Cars 3, Saetta Mc Queen vince la nostra paura del cinema

[Premessa: questo post era in bozza da più di due settimane. Avrei dovuto pubblicarlo prima. Avevo anche iniziato a scriverlo, poi preso da altre cose, non ci ho più messo mano. Spero non mi skifiate troppo, anche se da ‘ste parti ci sono sempre meno].

Cars 3 film anteprima cinema (1)

Io e il gnappo siamo stati all’anteprima di Cars 3.

E sticazzi, direte voi. E infatti…

Ma, c’è un ma.

E’ da due anni che, invano, cercavo di convincere il gnappo a tornare al cinema. La prima volta  era stata una tragedia purtroppo. Non per il film in sé (eravamo andati a vedere i Minions, mica un film dell’orrore…), ma l’esperienza era stata disastrosa.

L’esperienza del cinema (lo schermo gigante, il buio in sala, il volume appalla) la prima volta lo avevano spaventato di brutto. Era stato tutto un avanti-indietro tra la sala e il corridoio. Alla fine, estenuato e sconsolato, siamo andati insieme, io e lui, nella sala giochi del multisala mentre Anna e gli altri nostri amici che ci accompagnavano si sono visti il film.

Da lì ne è passata di acqua sotto i ponti. Due anni più o meno. Ogni tanto io ci provavo… Gliela buttavo lì tipo: “Ti va se andiamo a vedere questo cartone al cinema?”.

“No”, era sempre stata la risposta. “Ho paura”, “non mi piace”e scuse così.

Il gnappo aveva una vera e propria “cinefobia“. Solo a sentir parlare di cinema si spaventava e chiudeva il cervello. E non si smuoveva. Per qualunque cartone, anche quelli più fighi.

Cars 3 film anteprima cinema (3)Lunedì 11 settembre 2017 la svolta. L’invito, inaspettato, della Disney/Pixar a vedere l’anteprima di Cars 3 a Milano. L’evento da non perdere, soprattutto per il gnappo perché Cars (insieme a Planes) è uno dei suoi cartoni animati film di animazione preferiti.

Quando gliel’ho proposto, stranamente, non mi ha detto di no. Si era convinto. “Andiamo con il papà a vedere Cars 3, al cinema, di sera”. Un’avventura per lui. E anch’io ero caricato a mille, anche se temevo che sarebbe potuto arrivare la crisi: noi che usciamo dal cinema, la sua e mia frustrazione, il ritorno, mesto, verso casa. Scene già viste purtroppo. Per questo non mi facevo grosse illusioni.

E invece no.

Stavolta è andata bene.Anteprima 2017 Cars 3 Milano

Sarà stato il cartone che a lui piace veramente tanto (gioca sempre con le macchinine di Cars, sappiamo a memoria le scene, siamo proprio dei fan di Saetta Mc Quenn, chachaaaaan!).

Sarà stato l’evento (organizzato agli Studios di via Mecenate) con i fotografi, il buffet, il dj set, J. Ax e la Pina (“Lo vedi lui? E’ quello che canta ‘Come il crimineeeee…‘”). Saetta in carbonio e ruote insieme agli altri bambini ansiosi di vedere l’ultimo episodio del loro personaggio preferito.

Anteprima Cars 3

Anteprima Cars 3

Quella macchina rossa col numero 95 un po’ sborona, ma dal cuore grande. Un vanesio velocissimo: “Velocità, sono pura velocità…”. L’amico Cricchetto, il fedele Mack, e due tanti nuovi personaggi (dall’infame Jackson Storm alla timida Cruz Ramirez, ma anche il vecchio allenatore di Doc e il cinico proprietario della Rust-eze).

Cars 3 anteprima Milano

Appena aperta la sala ci sediamo in fondo (per non disturbare nessuno in casa di nostra uscita anticipata causa panico). Il gnappo carichissimo e super contento. Io più di lui, tanto che quando gli dicevo cose fastidiose per sottolineare il momento tipo: “Sei contento? Dai che adesso vediamo Saetta!!”, lui rispondeva: “Bastaaa!”, “Smettilaaa!”. (Come far vergognare un bambino di 5 anni: citofonare Federico).

Io che tremo perché prima di Cars 3 è partito un cortometraggio carino (Lou Lost and Found) ma sempre a rischi spavento. Perché all’inizio è un po’ inquietante con sto coso che non si capisce bene cos’è).

Ma poi tutto è filato liscio (a parte una scena un po’ forte con Miss Fritter che tenta di uccidere Saetta e Cruz in mezzo al fango, ma è passata anche quella). Una pipì da fare verso la fine del film. E menomale che eravamo in fondo e vicini al bagno.

Miss Fritter e Saetta

Miss Fritter e Saetta

Unica pecca (ma non tanto della serata, dei cinema proprio in generale) il volume troppo alto. Infatti il gnappo ha visto almeno tre quarti di film con le dita infilate nelle orecchie (io mi ero portato pure le cuffie scaldaorecchie di pelo rosa di Anna, ma non le ha volute, sempre citofonare a me per certe cose…).Cars 3 Lego Duplo

Il volume alto a tratti ha dato fastidio anche a me che sono anche un po’ sordo. Ma a parte questo è stata davvero una super serata. Siamo tornati a casa tardi, era lunedì, ma chissenefrega. E’ stata davvero un’avventura anche tornare a casa di notte io e il gnappo in scooter. Tornati a casa abbiamo subito raccontato tutto alla mamma.

E per me, per lui, la vittoria più grande. Adesso il cinema (forse) non ci fa più paura. Grazie Saetta, insieme a Cruz hai fatto vincere anche noi.saetta mc queen e cruz ramirez

  • Nia

    Ecco questa volta ti invidio proprio. Il mio sarebbe impazzito per una serata del genere. Il film invece noi lo abbiamo visto nel piccolo cinema della nostra città. Il volume era sempre troppo alto e a me è scesa pure la lacrimuccia, ma il film ci è piaciuto proprio tanto. Alla mia piccola un po’ meno, si è distratta tutto il tempo. Ma ha resistito.

    • Guarda, secondo me è un film riuscito. Anche a me è piaciuto molto. Cars 2 forse era un po’ loffio come storia (troppo incasinato), ma Cars 3 è davvero bello. Forse alla piccola interessano meno i motori rispetto alle principesse, boh, non ne ho idea. Il gnappo invece con questi smarmittamenti ci va a nozze. Il volume è una cosa allucinante comunque. Almeno per i cartoni animati per bambini dovrebbero abbassarlo.

  • Priscilla X

    Bene, che bello che abbia superato la sua paura! Noi la prima volta abbiamo portato la Ninfa al cinema a vedere l’ultimo “Pirati dei Caraibi” (ho perso il numero) perché lei, femmina quatrenne, adora i pirati e i mostri. Esperienza positiva, anche se poi non abbiamo più avuto l’occasione di portarla. Questo Natale passeremo sicuramente a cose più da femmina, tipo “Frozen”…

    • Guarda, non grido vittoria troppo forte perché la paura è sempre dietro l’angolo. Però uno scoglio l’abbiamo superato. Coi Pirati dei Caraibi come primo film non oso immaginare! 🙂 ecco, magari lo porto a vedere Frozen o simili anche se è “da femmina”. 🙂

  • anna

    o Fede! …le cuffie. di pelo. rosa. tu sei da TSO. e tuo figlio un santo, Ciao Fede qui abbiamo iniziato la prima elementare, la maestra oggi mi fa: “è troppo simpatico, ma ciurla nel manico èh”. TUTTOAPPOSTOOOO. Anna

    • Le cuffie rosa erano al top. Al prossimo giro provo coi tappi gialli di poliuretano. 😀 Grande mariomerola, ciurlatore nei manici. Prima elementare, digià. Santi numi.

  • F48io

    ciao Fede,
    sono felice che Saetta abbia consentito al gnappo di superare la cinefobia. Vi auguro che sia la prima di una lunga serie di vittorie sulle paure. Mia figlia di quasi 2 anni e mezzo invece non ha paura di nulla, ma proprio di nulla.
    Pensi quindi che io sia più fortunato di te? Le paure le fa venire a me e, soprattutto a mia moglie, quando parte all’ improvviso e corre verso piscine, scogli o qualunque specchio d’acqua che irresistibilmente l’attrae. Oppure la piccola cinofila si lancia verso cani (sconosciuti) grandi il doppio di lei per abbracciarli.
    Da quando sono genitore mi sono convinto che se l’erba (o i figli) del vicino sembra sempre più verde (o più facili da gestire ) si tratta di una illusione ottica o più verosimilmente di apparenza, giacché oramai si vede solo in foto sui social ed è sicuramente fotoshoppata!

    • Ciao Fabio, eh eh, qua passiamo da un estremo all’altro! Sono d’accordissimo con te, si tratta di illusione ottica. La foto del vicino è sicuramente fotoshoppata. 🙂 Meglio tenerci le nostre, magari un po’ sfocate, ma comunque originali! 😉