Archivi categoria: Pensieri di un papà

Di tutto un po’

A Volandia con i gnappi

Volandia

Qualche settimana fa sono stato con i gnappi a Volandia.

Anna doveva lavorare e così me li sono presi su e portati a vedere un po’ di aerei e altri oggetti volanti.

Mi avevano già parlato di Volandia ma non c’ero mai stato. Praticamente è a due passi da Malpensa e, per chi è appassionato di aerei, elicotteri, mongolfiere  & co. è una vera pacchia.

Continua a leggere

Il nostro primo giorno di scuola

Primo giorno di scuola gnappo (3)-2000
La tensione nella mani

Sapevo che anche questo giorno sarebbe arrivato. E, come sempre, prima del previsto.

Abbiamo accompagnato il gnappo al suo primo giorno di scuola. Che non mi sarei perso per niente al mondo. E ho avuto la fortuna di esserci.

[Spoiler]

Alla fine è andata discretamente bene, c’era un casino che la metà basta, ci ho capito poco, ma comunque è andata ed è stato fin troppo veloce.

[Fine spoiler]

Qualche emozione però c’è stata e il primo giorno è andato meglio degli altri…

Continua a leggere

Ansia da prestazione e pellegrinaggi notturni

Da qualche mese a questa parte non c’è notte (o quasi) che il gnappo non si infili nel lettone.

Il suo sonno è sempre stato un problema, fin da piccolo. Poi, dai due anni e mezzo, magicamente, ha abbiamo iniziato a dormire.

Poi è arrivato The Second e quindi sonno adieu.

Però il tutto è durato solo qualche mese perché The Second si conferma un ronfatore da competizione.

Uno di quelli che non si addormenta mai di sera, ma poi, una volta partito, scatta la “modalità sasso”. E alla mattina servono le cannonate.

Il gnappo no.

Continua a leggere

Ultimo giorno di asilo del gnappo

Oggi è l’ultimo giorno di asilo del gnappo.

Fino a metà luglio ci saranno le sezioni estive, quando le classi si accorpano e le scuole si cambiano. Per due settimane sarà in classe con suo fratello (si spera) in una nuova scuola e con nuovi compagni.

Ma l’ultimo giorno di scuola per lui è oggi. L’ultimo giorno in cui sarà con la sua classe, con i suoi primi veri amici che veder tutti i giorni da tre anni a questa parte.

Secondo me lui non se ne rende ancora conto. Ed è giusto così.

Continua a leggere