Caro bimbo, ma quanto mi costi in gravidanza?

So che è brutto parlare del vil denaro quando si tratta di bambini, in particolare quando questi sono in fase di “elaborazione” nella pancia della mamma. Ma davvero non immaginavo che una gravidanza (e non immagino ancora un bimbo appena nato e poi via via fino all’università) potesse costare così tanto.

Ieri Anna è andata dalla ginecologa a fare una semplice ecografia di controllo: 150 euro. Taac. Non è la prima (ne ha fatte finora almeno 3 o 4 se non mi sbaglio) e altrettante ne dovrà fare da qui al parto.

Medicine: la ginecologa le ha prescritto una serie di integratori, sotto forma di enormi pastiglie che si deve ingollare almeno un paio di volte al giorno prima o dopo i pasti. Tra questi c’è una buona dose di ferro che tra l’altro le causa un po’ di stitichezza (e te credo, con tutto quello che ne prende ormai cagherà bulloni poverina!) e Omega-3 (i famigerati Omega-3 di cui tutti parlano, ma che non ho mai capito a cosa servano). Più altri integratori vari, di cui ignoro la composizione, e tante vitamine dalla A alla Z.

Continua a leggere “Caro bimbo, ma quanto mi costi in gravidanza?”

Reggiseno per bambine, dove andremo a finire?!

Non sarò uno open-minded, come si dice, ma dopo aver visto su internet un’azienda di intimo che vende addirittura reggiseni per bambine, bé, credo che si sia passato il limite. Me lo ha fatto vedere Anna qualche giorno fa, dopo averlo trovato per caso nei suoi quotidiani giri sul web per farsi una cultura sull’abbigliamento dei bebé.

Quando ho visto coi miei occhi la linea per “filles” non ci volevo credere: piccole modelle, che avranno al massimo 9 anni, fotografate ammiccanti in mutandine e reggiseno (pur ovviamente non avendo ancora il seno!). Senza parole.

Continua a leggere “Reggiseno per bambine, dove andremo a finire?!”

Dilemma da papà: entrare in sala parto o no?

Ho appena avuto una discussione con i miei colleghi “papà perfetti” sulla necessità o meno che il papà entri in sala parto. Io essendo abbastanza all’antica sostengo di no: sarei inutile, mi impressiono, i medici dovrebbero soccorrere anche me, se vedessi una testa uscire dalla gnappa credo non vorrei più rientrarci per tutta la vita… ecc. ecc.

Così mi sono preso il loro quotidiano cazziatone: “Ma che padre sei?”, “Tuo figlio te lo rinfaccerà per tutta la vita!”, “Sono momenti unici, non dovresti perdertelo”, “E’ giusto che ci sia anche tu in quel momento”, e via così.

Io e Anna al momento siamo d’accordo. Lei per fortuna non insiste adesso sul fatto che io debba entrare con lei e stare lì fino alla fine. Vedremo se col tempo (e soprattutto quando starà per entrare in sala “sfornamento”) cambierà idea.

Continua a leggere “Dilemma da papà: entrare in sala parto o no?”