Dilemma da papà: entrare in sala parto o no?

Ho appena avuto una discussione con i miei colleghi “papà perfetti” sulla necessità o meno che il papà entri in sala parto. Io essendo abbastanza all’antica sostengo di no: sarei inutile, mi impressiono, i medici dovrebbero soccorrere anche me, se vedessi una testa uscire dalla gnappa credo non vorrei più rientrarci per tutta la vita… ecc. ecc.

Così mi sono preso il loro quotidiano cazziatone: “Ma che padre sei?”, “Tuo figlio te lo rinfaccerà per tutta la vita!”, “Sono momenti unici, non dovresti perdertelo”, “E’ giusto che ci sia anche tu in quel momento”, e via così.

Io e Anna al momento siamo d’accordo. Lei per fortuna non insiste adesso sul fatto che io debba entrare con lei e stare lì fino alla fine. Vedremo se col tempo (e soprattutto quando starà per entrare in sala “sfornamento”) cambierà idea.

Un’altra cosa che mi lascia un po’ perplesso: il bimbo appena uscito non viene neanche lavato e viene messo subito a contatto con la madre. Ma come senza neanche lavarlo? Tutto zozzo di placenta? Bleah. I papà perfetti: “Ma certo! E’ normale e fanno così dappertutto!”.

Ecco, un altro motivo per restare fuori. Magari è la buona volta che mi decido e inizio a fumare.