Ho voglia di estate

girasoliHo voglia di estate. Ma proprio tanta. Ho voglia di mettermi i mocassini leggeri, le polo a maniche corte, di sudare sotto il sole. Ho anche voglia dell’asfalto bollente dei marciapiedi di Milano che si disfa sotto le scarpe o i cavalletti degli scooter. Invece siamo ancora in pieno inverno e arriverà pure la neve, dicono. Per la terza volta, così, giusto per incasinare un po’ gli spostamenti.

Ho voglia di estate anche perché il gnappo si ammala meno col caldo. Infatti, dopo il week end dai nonni, gli è tornata la febbre. Ci sta, per carità. Non posso lamentarmi dei suoi anticorpi finora visto che sembra abbastanza resistente. Ci siamo ammalati in un anno più lui di noi per la cronaca. Ma per me  che non ho pazienza è uno strazio. Quando sta male è insofferente e lagnoso e riesce a giocare solo quando la tachipirina fa il suo effetto. Amore. Ma il peggio è la notte. Quando la febbre gli si alza e il muco che di giorno scende a cascata dal nasino gli va in gola e lo fa tossire come una vecchia carretta.

Così è da due notti che lo facciamo dormire con noi nel lettone. Dormire… sì, insomma, forse è più corretto dire “vari tentativi” per farlo dormire. La tosse non lo molla, si arrabbia e piange. E anche stanotte non si è chiuso occhio. Ho provato con lo sciroppo di lumaca, ma con la tosse non funziona tanto. Allora ho provato con il vecchio rimedio della nonna, latte caldo e miele. Ci ha messo un bel po’ per calmarsi. Più o meno verso le 5.15. La mia sveglia era alle 7.

Alè, altra giornata da zombie. Però, almeno, a differenza di altre volte, ho un motivo valido per cui non aver dormito, quindi cerco di non lamentarmi troppo. Anzi, mi ritengo fortunato visto che il gnappo al momento si è ammalato seriamente sono tre o quattro volte in un anno. Passerà anche questa a furia di aerosol e di pazienza.

Tra l’altro, oggi è anche il compleanno di Anna. Che ovviamente passa in secondo piano. Volevamo andare fuori a cena per l’occasione, ma rimandiamo i “festeggiamenti” a data da destinarsi. Dobbiamo anche andare agli open day dei nidi comunali. Va bè, aspettiamo momenti migliori. Mannaggia al freddo. C’ho un po’ le balle girate. Quando arriva l’estate?