Il dolce dormire e la stitichezza infantile

Oggi sveglia puntata alle 9.30. Spenta senza neanche sentirla. Sveglia effettiva alle 11.30 dopo circa 10 ore di sonno. Fantastico. So che è un lusso che presto finirà. Intanto ce lo godiamo finché possiamo. Il pupo è là dentro e per ora se ne sta buono nella sua piscina di placenta su misura.

Ieri abbiamo passato la giornata dai futuri nonni che al momento mostrano ancora una quasi finta-indifferenza per il lieto evento. Sbattimenti per il mutuo e un giro dal solito Bimbo store alla ricerca di cose che ci potrebbero servire presto. Tra tutti il mitico cuscino da allattamento (ce n’erano 5 modelli diversi tra i quali la scelta sarà difficile). Ho scoperto tra l’altro che la pula (la pula??) è uno dei materiali che infilano dentro gli aggeggi per le neomamme. Anna si è poi provata un marsupio porta mostro, che forse in futuro ci servirà. Proveremo a inseririlo nella lista-bimbo se mai ne faremo una.

Infine siamo andai a trovare due amici che hanno una bimba di 5 mesi. Sembravano fmolto elici e continuavano a parlare di lei, di cosa faceva e non faceva, di come era andato il parto ecc. Qualche tempo fa i miei discorsi con gli amici vertevano su lavoro, vacanze, figa (con gli amici maschi). Ora le conversazioni stanno prendendo una piega un po’ troppo monotematica: figli-parto-gravidanza-pediatri-trio-poppate. E’ stata comunque tutto sommato una chiacchierata interessante. Soprattutto quando ci hanno detto che loro figlia è stitica. Pensavo che i bambini mangiassero e cagassero tutto il giorno e più volte al giorno. Bé, per fortuna c’è l’eccezione che conferma la regola.