“Non riuscivo a educare mia figlia”, l’albero di Marianna

Bosco di Fede

Marianna è una giovane mamma 29enne e fa l’educatrice. Ha accolto la sua bimba con immensa gioia, dopo aver avuto alcune difficoltà in due precedenti gravidanze. Ma come dice il proverbio? “Il calzolaio ha sempre le scarpe rotte…”. E infatti lei paradossalmente, che al lavoro si trova a suo agio a gestire i figli degli altri, ha dei problemi proprio nell’educazione della sua piccola.

Ecco il suo albero nel Bosco di Fede che silenziosamente cresce, poco alla volta, senza fretta. Se volete contribuire a farlo diventare sempre più grande, la terra è qui.

***

Ho deciso anche io di piantare il mio alberello in questo bosco…  perché meglio condividere che tenersi tutto dentro e lasciare che ci crei disagio! Io sono una mamma di 29 anni, ho una bambina di 3 anni e mezzo e un marito in gamba che non cambierei per nulla al mondo. Ho voluto la mia bambina fortemente e con tutto il cuore, avuta dopo due aborti e una maledetta endometriosi operata d’urgenza.

Lei è una gioia immensa per noi, l’essenza di tutto… Ma (e un “ma” c’e sempre!!) è sempre stata molto complicata, ottima salute, intelligente, acuta, furbetta… ma complicata, disubbidiente e testarda! E nonostante io sono un educatrice esperta in comportamento infantile, con mia figlia non riesco ad essere obiettiva. Siamo in una fase dove è molto rabbiosa, si fa del male, strappandosi i capelli, è gelosa, si sente inferiore.. e dopo un consulto psicologico ne è emerso un disagio “a causa del mio lavoro”!!! Pensate i bambini che esseri fragili e complicati sono…

La mia piccola inizierà la materna questo mese ed è sempre stata lasciata mezza giornata alle cure amorevoli dei nonni… e il distacco da me seppur lavorativo l’ha trasformata in “una bestia”! Si è sentita tradita e vuole farcela pagare.. (la sua mamma la lascia ai nonni per passare il tempo con altri bimbiii?? Non sia mai!!!). In casa siamo sempre in allerta di un suo guaio, dice cose cattive per la sua età ed io come mamma mi sento una deficiente!! Un padre e una madre ci mettono anima, cuore e vita per crescere i figli e a volte non sono come speravamo, ma noi li amiamo anche di più… con tutti i difetti e i capricci!!

L’ho allattata 2 anni e mezzo e sono stata con lei sempre i primi tre anni! Stamattina ero ancora molto preoccupata e angosciata… “Ma come… educo i figli degli altri e con la mia non riesco?!”… sentendomi sbagliata… ma poi mi capita un foglio di una rivista tra le mani, con scritto “chi si preoccupa e si arrovella per l’educazione dei figli è un ottimo genitore , con tanto amore da dare!”.

Ed ecco che mi sento meglio e riconosco che è vero, che appena la mia piccola si sveglierà dal riposino la porterò in un bel bosco profumato e rilassante a passeggiare col il nostro cane e le farò assorbire tutto ciò che di buono e positivo può fare la natura per i nostri bambini!! Senza preoccuparmi più… io l’aiuterò ad affievolire la sua rabbia… tranquillamente… Ora mi sento di fare questo, ritirarmi in un angolo pulito, tra la natura, in tranquillità e giocare con mia figlia… forse aiuterà entrambe!!  

Nel mio modo di educare c’è un sapere antico in ognuno di noi che se ascoltato cura tutti i mali… anche dei nostri piccoli. E tengo sempre a mente la frase di un grande educatore: “Dite è difficile avere a che fare con i bambini, ma io dico che invece il difficile è abbassarsi ai loro sentimenti… per non ferirli!!!”. E questo mi aiuta a non perdere la pazienza nei momenti difficoltosi!

Grazie Fede per avermi dato modo di scrivere… tante buone cose!