Sedere in gravidanza, cul comune mezzo gaudio

Scenetta familiare: torno a casa dopo il lavoro. Anna si era appena svegliata da un pisolino e, mezza rincoglionita, in maglietta e mutande  va in bagno per una delle sue infinite pipì quotidiane. L’occhio mi cade sul suo lato B e non posso fare a meno di dirle sorridendo: “Ma che bel culone!”. Lei ancora infastidita dal brusco risveglio risponde con un tono da bambina capricciosa: “Lasciami stare!”. Ho riso per un’ora.

Il culo. Per Tinto Brass è il vero “specchio dell’anima”, la vera fortuna delle donne che ci sono sedute sopra e neanche lo sanno. Anch’io da sempre ne sono un grande estimatore.

C’è una variante: il culo in gravidanza. Non tutte le donne sono uguali, ma il culo in gravidanza credo aumenti un po’ per tutte. Forse è aumentato anche a Gisele Bunchen quando era incinta. Ci scommetterei. Lo dico perché oltre a vedere quello di Anna che è un po’ più abbondante di prima (ma non le sta male, è simpatico), l’ho notato anche su altre donne incinte, quelle che erano al corso preparto.

Là ce n’erano di tutti i tipi e di tutte misure, così come le pance. Per carità, il culo – come il mondo – è bello perché è vario. Ma ho notato che anche una ragazza, che dalle gambe mi sembrava di costituzione molto magra, nonostante entrasse benissimo nei suoi jeans aderenti (quelli di Anna riposano da mesi nell’armadio, in attesa che i massaggi drenanti post partum ce la facciano rientrare) il suo sedere era evidentemente più grande del normale. L’ho fatto notare alla mia dolce metà che, ormai rassegnata al fatto che io guardi i culi delle altre (ma lo faccio per puro piacere estetico, senza malizia), forse si è un po’ messa il cuore in pace. Cul comune, mezzo gaudio.

Due consigli non richiesti per le donne incinte (e non). 1) Se durante e dopo la gravidanza il vostro bel popò si allarga un po’, non preoccupatevi. E’ normale. Noi uomini non siamo così ignoranti, lo capiamo. E ci piacete lo stesso. Sappiamo che la gravidanza vi fa cambiare tanto e se anche non entrate più nei jeans stretti non vi angosciate. L’importante è che una volta finito l’allattamento vi sforziate un po’ per ritornarci in quei jeans. E se anche non sarà più possibile amen. Ne comprerete degli altri.

2) Non vi arrabbiate se guardiamo culo e tette delle altre. Se sono incinte come voi è per fare un sano confronto. Se invece è quello marmoreo di una vent’enne un po’ scosciata che la cellulite e la ritenzione idrica le ha viste solo in cartolina, abbiate pazienza. E’ più forte di noi. E’ come il cibo per i cani, non possono fare a meno di volerne sempre. A tutti piace un bel panorama no?! Tranquille, ci piacete lo stesso. In fondo in fondo, lo sappiamo che oltre a tette e culo c’è anche altro. (Forse).