Castità dopo il parto, 40 giorni e 40 notti

castità 40 giorni e 40 nottiNon so perché li chiamino i “40 giorni”. Come se fossero quelli di Gesù nel deserto. Una quaresima: 40 giorni e 40 notti, come il titolo del film che adesso dovrò vedere, almeno per farmi due risate.

Non so se sono passati 40 giorni. Chisseloricordapiù. Sicuramente la partenza è stata prima della nascita di The Second, quindi, a occhio e croce, sono più di 40. E non è facile. Non è stato facile. Non sarà ancora facile. Ma per adesso, giusto per utilizzare nel modo giusto questo gruppo di autoaiuto che è per me questo blog, lo posso dire: si può fare.

Continua a leggere “Castità dopo il parto, 40 giorni e 40 notti”

Prostaglandine e induzione del parto dopo la 40esima settimana

candelette induzione parto“Ciao, come state?”. “Hey, ma… nessuna news?”. Sono alcuni dei messaggi che stanno arrivando a me e ad Anna in questi giorni. “E’ nato?”, mi chiedono anche gli amici al telefono.

No, non è nato. Siamo, come si suol dire, in attesa. Il termine era il 30 novembre. Ma The Second si fa aspettare. Nuota felice nel suo liquido amniotico (che, ci hanno detto, è abbondante). Non vuole mettere il naso fuori perché ha capito che qua c’è un gnappo quasi treenne pronto a spaccargl ii timpani (e non solo).

Probabilmente ha sentito le sue urla durante tutti questi nove e rotti mesi e quindi ha già capito tutto dalla vita: “Col cazzo che esco!”, starà pensando.

Continua a leggere “Prostaglandine e induzione del parto dopo la 40esima settimana”

Waiting for The Second

Dolce attesaAncora tutto tace. The Second si sta prendendo i suoi tempi. D’altronde che fretta bisogna avere  di venire all’aria aperta? Dentro un utero si sta sempre bene. Il termine era il 30, ma alla fine vai a capire come si calcolano questi fantomatici “termini”. La ginecologa fa presto a fare i conti con la sua rotellina colorata. Ma a The Second della rotellina gliene frega poco. Giustamente.

L’ultima visita, quella “a termine”, è andata bene. Lui è a testa in giù pronto per il tuffo verso l’aldiqua. L’utero era ancora chiuso, quindi non era questione di ore. Anna andrà a fare un’altra visita tra un paio di giorni per vedere se nel frattempo si è mosso qualcosa.

Continua a leggere “Waiting for The Second”

Manca poco che ce vo’

pancia gravidanzaDevo dire che a ‘sto giro la gravidanza non me la sono proprio filata. Se la prima volta ero più coinvolto con il corso preparto, le evoluzioni della pancia, il massaggio perineale (ah, il massaggio perineale), questa volta ho fatto quasi come se Anna non fosse incinta. Anzi, tranne quando l’occhio mi cade sulla sua pancia, mi sembra quasi che non sia incinta.

Ho provato a dirle di non fare sforzi, ma niente. Il gnappo lo prende sempre in braccio e ogni tanto va anche a fare la spesa portandosi le borse. Per fortuna finora è andato tutto bene e non ci sono stati intoppi. In scooter invece non ci siamo più andati. Almeno nell’ultimo periodo.

Continua a leggere “Manca poco che ce vo’”

La depressione dopo il parto, l’albero di Sara

Bosco di FedeC’è un nuovo albero nel Bosco di Fede. E quello di Sara, che dopo il parto è stata poco alla volta avvinghiata da “montagne sempre più alte” che le oscuravano il futuro.

Non è mai facile parlare di depressione. Soprattutto dopo la nascita di un figlio, la cosa più bella e straordinaria che può capitare nella vita. Ma sono convinto che parlarne faccia bene: a chi scrive e a chi legge.

Grazie Sara per il tuo albero. Il bosco silenziosamente cresce, poco alla volta, senza fretta. Se volete piantare il vostro, la terra è qui.

Continua a leggere “La depressione dopo il parto, l’albero di Sara”

Il supplizio di Tantalo

il supplizio di tantalo asseretoIn tema di esami di Maturità, ieri, mentre mi lavavo i denti, all’improvviso mi è venuto in mente il supplizio di Tantalo. Quello di cui parla anche Dante, come punizione per i golosi, che poi è la legge del contrappasso.

Tantalo, dopo averne combinate di tutti i colori, nonostante fosse circondato da cibo e acqua non poteva mangiare né bere. Era legato a un albero pieno di frutti e stava in un lago con l’acqua fino al collo (e menomale che era acqua…). Appena provava a bere il lago si asciugava, e se tentava di prendere un frutto per mangiare i rami si allontanavano.

Quello di Tantalo è un mito attualissimo. Almeno per me. Il mio supplizio è vedere le tette di Anna, passata da una seconda scarsa a una terza abbondante per la gravidanza, e non poter usufruire più di tanto di tutta questa grazia.

Continua a leggere “Il supplizio di Tantalo”

The Second

Ecografia 4 mesi okAspettare un secondo gnappo è come non aspettarlo: di fatto non se lo caga nessuno. E’ l’ingiusta vita dei secondi. Una volta infatti per levarseli di torno li mandavano alle Crociate. Adesso invece gli va decisamente meglio. Però non ci sono dubbi: se per il primo figlio tutti gli occhi sono puntati sul pancione, quasi in adorazione della dea della fertilità, per il secondo le attenzioni alla mamma si riducono a un semplice: “Come stai?”.

Io un po’ mi sento in colpa. A questo secondo non ci sto proprio pensando. Il gnappo assorbe come sempre un sacco di energie. Tutte le energie sono sempre per lui. Anna sta andando a fare i controlli di routine e per fortuna finora sta andando tutto bene. Lei adesso fisicamente è ok, a parte qualche svomitazzata improvvisa. C’è anche la stanchezza cronica, dovuta alla mancanza di sonno e al fatto che non si riposa abbastanza. Ma con il gnappo operativo e cazzutissimo è difficile trovare dei momenti di relax. Continua a leggere “The Second”