Archivi tag: letto

Errore di procedura

cascateStavamo quasi per spegnere la luce. Quando Anna ha avuto un flash. Uno sprazzo di lucidità improvvisa. Capita, forse, durante la gravidanza, quando il cervello femminile è in balìa degli ormoni. Poteva comunque capitare a tutti, anche se lei non è nuova a questi blackout mentali, come quella volta in cui a momenti mi incendia la casa.

Avevo già messo a letto il gnappo da almeno mezz’ora (adesso io e lui siamo nella fase idilliaca, vuole più me che la mamma, non so quanto durerà). Prima di addormentarsi continuava a girarsi. Ma non mi erano venuti particolari sospetti, visto che lui di solito è sempre sull’agitato. Le operazioni di lavaggio denti e messa del pigiama erano state fatte dalla mia dolce metà, come ogni sera. Quindi non c’era nulla di strano.

Continua a leggere

Ancora in giro, stavolta per letti e armadi

armadiSiamo in pieno delirio da arredamento. Perché dopo la ristrutturazione, dopo il trasloco dei giocattoli del gnappo e della libreria nuova non possiamo stare fermi. Eh no! Anna adesso vuole cambiare la camera da letto.

Devo dire che abbiamo aspettato abbastanza. Del letto cigolante anti-sesso (regalatoci da mia madre, per la cronaca) ne ho le scatole piene anch’io. E poi ci sono gli armadi. Quelli che hanno fatto il trasloco con noi, due Pax Ardal dell’Ikea, ormai sono sbombati. E poi sono in due camere diverse. Il mio, ovviamente è in camera del gnappo. Così tutte le volte che mi devo vestire devo andare da lui, tentando di non svegliarlo con tecniche ninja la mattina presto. Anna invece si cambia comodamente in camera nostra. E quando si sveglia prima di me, tra apri e chiudi ante e cassetti, mi sveglia dal (poc) sonno del giusto.

Siamo alla ricerca quindi di: letto, armadio, comodini. E nei week end, giusto per riposarci un po’, stiamo riprendendo le già note spedizioni.

Continua a leggere

Dentizione e cadute varie

gattinoSta spuntando. Anche il quinto dente. Dopo i due incisivi sotto e i due sopra adesso arriva quello accanto, in alto a destra (o a sinistra guardando dalla sua parte), per una fantastica dentatura asimmetrica. Almeno per qualche tempo. E così la notte è sempre tormentata. In attesa che l’avorio buchi la gengiva gli abbiamo messo su un po’ di Dentinale, consigliato da un mio amico farmacista invece del Vea Oris spray che ci ha dato la pediatra. Oltre al fatto che è più caro, come fai a mettergli uno spray spruzzandoglielo sul punto che gli fa male?

In questi giorni dunque il gnappo è noioso. Come un gatto in amore, dico io. Come un gatto attaccato alle balle, dice Anna. Chissà perché i poveri gattini sono presi come metafore delle rotture di coglioni. Piange, si dispera per niente, è noioso. E poi sta prendendo delle gran botte. La penultima per colpa sua. Mentre si stava alzando in piedi si è lanciato indietro con la spinta. Inevitabile l’impatto con la piastrella. Che non si è ancora rotta nell’impatto con la sua testa.

Continua a leggere

La sega elettrica e il trenino in arrivo

sega elettricaUno dei momenti più belli della giornata è quando metto a letto il gnappo. Soprattutto quando per addormentarlo non servono stratagemmi vari, attese interminabili, danze della pioggia, cullate infinite, canzoncine improbabili. A volte, dopo avergli messo il pigiama e averlo fatto strillare un po’ con la fisiologica sparata nel naso e l’aspira muco d’ordinanza per poi tranquillizzarlo col ciuccio, basta appoggiarlo nel suo lettino e abbandonarlo nelle braccia di Morfeo.

Ma l’altro giorno, dopo averlo messo a letto, dalla sua camera sono arrivati rumori strani. Sembrava ci fosse un treno in arrivo, preceduto da una sega elettrica. Il fischio era talmente bello che non ho potuto fare a meno di registrarlo a futura memoria.

Ecco il ronfatore da competizione in azione. Russa più di un orso in letargo.

ronfata con fischio ok

Sesso, l’importante è la qua..ità

E’ un po’ che non parlo di uno dei miei argomenti preferiti. Quello di cui si dice che “chi ne parla spesso è perché non ne fa”. Appunto. Quello. Insomma, trovare il tempo e quella minima vitalità per riuscire a praticarlo ormai è diventato un lusso. Un super lusso.

Sì perché la notte, da quando c’è il gnappo, è diventata un tabù. Un ta-ta-ta-tabù, dove però non si muove più nessuno, sempre che, quando non ci sono io, nel buio, non si infili quella sagoma che teneva in mano le liquirizie, non si sa mai! No, ormai di notte si dorme, quando ci si riesce. Toccare il letto diventa una conquista, il momento più bello della giornata. E il massimo del gioco erotico che può avvenire dopo una giornata-tipo col pupo è un bacino della buonanotte sulla bocca (senza lingua ovviamente).

Poi, per carità, ogni tanto il tempo si trova. Tipo quel quarto d’ora di libertà, dalle 18 alle 18.15, quando per puro culo ci troviamo a casa entrambi e dobbiamo anche fare in fretta perché se no ci sbattono fuori il gnappo dall’asilo e lo mettono a giocare con le raccomandate in portineria. Manco speedy gonzales.

Ok c’è il bello della clandestinità, come ai vecchi tempi. Puoi anche simulare un finto trasloco del letto senza insospettire minimamente la vicina del piano di sotto visto l’orario. Però… vuoi mettere con quelle volte in cui lo si faceva la mattina con calma e tranquillità, magari dopo la colazione?

Continua a leggere

Toglietemi tutto, ma non le mie calze

Credo che l’uomo sia stato progettato per dormire da solo. Quando la scorsa settimana Anna è andata dai suoi col gnappo per un paio di giorni mi sono sparato delle dormite record, tipo 11 ore di fila. Il lettone è bellissimo, ma ogni tanto invidio chi dorme in letti separati.

E’ da quasi tre anni che convivo. Anzi, che con-dormo. Dopo l’entusiasmo dell’inizio, cioè quella fase in cui ti addormenti abbracciato, ti risvegli abbracciato e anche la fiatella mattutina del tuo partner ti sembra essenza al muschio bianco, ogni tanto apprezzo anche il dormire da solo.

Sia chiaro, io sono fortunatissimo. Anna non russa, quasi quasi di notte non respira, e nel letto si muove pochissimo. Quindi è come se dormissi da solo. Ogni tanto si gira e mi tira le coperte, vabé. Ogni tanto mi viene addosso perché ha freddo. Ogni tanto si dimentica di disattivare la sveglia anche quando potremmo dormire. Ma a parte questo è davvero un’ottima compagna di letto che non cambierei con nessun’altra al mondo. Non credo lei possa dire lo stesso viste le mie continue piroette notturne.

C’è però un’abitudine che ho dovuto modificare da quando dormiamo insieme. Quella delle calze. Io adoro dormire con il pigiama e le calze. Era la mia coperta di Linus, uno dei piccoli piaceri della vita. Niente gocce di Chanel come Marylin. Niente perizomi tigrati senza altro addosso. No, io ho freddo. Io ho bisogno del pigiama. Estate e inverno. E delle calze, addirittura infilate sopra il pigiama perché non mi si tolgano.

Continua a leggere

Metodo Hogg o metodo Estivill?

Ci sono giorni in cui sono a mille. Altri in cui sono incacchiato con il mondo intero. Oggi è uno di questi. Il bello è che non so il perché. So solo che in questi giorni ho le balle girate di mio. Lavoro, torno a casa, e con Anna parlo delle solite cose. Le duemila commissioni fatte e da fare, manco fossi un amministratore di condominio.

Poi c’è da mettere a letto il gnappo. Quando torno a casa tardi ci voglio giocare un po’ dopo cena e inevitabilmente lo agito. Così la mia messa a letto ieri è riuscita proprio male. Risultato: pianti continui e innumerevoli risvegli fino all’alba.

Il fatto è che non ho pazienza. Vorrei che si addormentasse subito. Invece c’è da star lì con lui a lungo ed essere il più calmi possibile. Così mi girano. Dopo quasi nove mesi mi sono stancato di alzarmi di notte perché lui si sveglia piangendo disperato (apparentemente senza motivo). Anna credo sarà più stanca di me. Dovrei farle un monumento per tutto l’impegno che ci mette e per la pazienza che ha. Ma quando sono arrabbiato me la prendo con tutti e quindi anche con lei che è a portata di mano.

Stanotte, dopo il terzo risveglio notturno, me ne sono andato incazzato a dormire sul divano. Stamattina prima di uscire non ho detto una parola. Neanche un sorriso al gnappo che mi guardava e voleva le solite feste che gli faccio alla mattina.

Perché minchia si sveglia sempre piangendo? Non sono i denti-non è la fame-non è il caldo. Quindi? Che minkia vuoi?

Continua a leggere