Categorie
Pensieri di un papà

“E anche questo Natale…se lo semo levato dalle palle”

Quest’anno ho deciso di raggruppare tutto.

Troppi post dal titolo “E anche questo Natale…”. Il primo nel 2011, prima che il gnappo nascesse.

E ogni anno, tranne nel 2013, dopo Natale, ecco il post immancabile: “E anche questo Natale, se lo semo levato dalle palle”.

Mi piace rispettare le tradizioni, un po’ come sapere che ogni vigilia di Natale su Italia 1 danno Una poltrona per due, anche se poi non riesco a guardarla.

Che poi ho scoperto che a Natale molti trovano questo blog proprio cercando la famosa frase dell’ingenger Covelli nel film “Vacanze di Natale”.

Insieme ad altre, non tutte edificanti, a dir la verità…

Categorie
Pensieri di un papà

Febbre da shopping natalizio al Christmas village di Milano

Ecliss Christmas Home Village Milano villaggio Natale (16)Da Facebook a Instagram, passando per i blog, è un tripudio di foto di alberi di Natale, decorazioni, presepi peruviani, cupcakes e biscotti a forma di Babbo Natale, renne di Babbo Natale, piccoli aiutanti di Babbo Natale, mutande di Babbo Natale. Il mood di solito inizia dopo l’8 dicembre, se non prima. E, dite la verità che ci siete caduti anche voi.

Io invece sono anti Natale. A Santo Stefano sono la persona più felice del mondo. Ancora di più dopo la Befana. Ma se fino a ieri ero riuscito a tenere buona Anna e le sue voglie irrefrenabili di addobbi (me la sono finora cavata con un presepe fisso con statuine della Sacra family incollate a una base e niente albero), quest’anno ho dovuto cedere. “Ma come, niente albero di Natale in casa tua per tutti questi anni?!”. Sticazzi, no. Finalmente ci ha pensato però la mia dolce metà, stufa delle mie manie di austerity, reclamando il suo personale albero di Natale di casa. Si è appigliata al fatto che il gnappo sta crescendo e che un albero di Natale in casa ci vuole. E bla, bla, bla.

Un punto di non ritorno è il giro che mi ha fatto fare ieri, domenica, al Christmas Village sui Navigli a Milano, alla ricerca di palle, palline, addobbi vari, cagatine kitsch da appendere su quel chiaro simbolo fallico sempreverde che stanzia da secoli nelle nostre case durante le feste.

Io non ho parole. Posso solo farvi vedere le foto del posto che ho visto, un’americanata pazzesca, un tripudio di palle, corna, babbi natale, renne, velluti rossi, candele a forma di panettone, alberi di Natale faraonici da migliaia di euro, campanelline, statue di cagnolini argentate (che cacchio c’entrino col Natale ancora non mi è chiaro…), lampadari assurdi, e ogni tipo di gingillo a sfondo natalizio che vi possa venire in mente. Ho visto cose che voi umani…