Archivi tag: scelte

Caro diario

diarioEravamo a un tavolino di un bar, a Verona, non lontano dalla casa di Giulietta, all’ora dell’aperitivo. Io avevo appena assaggiato il mio spritz e lei un analcolico alla frutta secco, quando ho scoperto che sapeva del mio blog da un paio d’anni. E in questi due anni non mi ha detto nulla. Niente. Neanche fatto intuire che lei sapesse qualcosa (o forse me l’ha fatto anche intuire, ma io in questo sono poco intuitivo).

Ci siamo guardati negli occhi. Io ero impietrito. Lei piuttosto sull’incazzato andante. Non sapevo cosa dirle. Le prima parola è stata monosillaba: “Ah…”. “Eh…”, mi ha risposto lei con uno sguardo di quelli che mi portano ad abbassare gli occhi, anche se, un po’ per orgoglio e un po’ per cercare aiuto nei suoi, cerco di resistere.

“Come sei ingenuo” è stata la frase che più mi è rimasta impressa. Ingenuo. Che è un modo elegante per non dire coglione. Come ho fatto a pensare di rimanere nell’ombra soltanto non mettendo foto mie, sue e del viso del gnappo… Non lo so. Ma all’inizio forse era più facile. Poi, pian piano, in tre anni di blog avrei dovuto immaginarmelo e uscire allo scoperto prima. E invece niente. Ho aspettato di essere con le spalle al muro e di trovarmi davanti a una scelta importante (quella del casting) per sputare il rospo. Tardi, troppo tardi.

Continua a leggere

Decidere è decidersi

televisione

Foto da Flickr

La scelta non era facile. Soprattutto alla luce di quanto è successo lo scorso week end, quello del coming out con Anna. Ci ho pensato abbastanza, ho valutato tutti i pro e i contro, mi sono fatto i miei film, le mie seghe mentali, ne ho parlato anche con lei e alla fine mi sono definitivamente deciso.

Il casting era andato bene, me lo ha riconfermato la produzione via mail. Quindi la scelta era solo mia: partecipare al programma e andare in tv oppure mollare il colpo e passare la palla. Alternative non ce n’erano. Aut aut.

Continua a leggere

Che cos’è la felicità?

che cos'è la felicità pillola rossaHo fatto una chiacchierata con mia sorella, mentre l’accompagnavo in macchina all’aeroporto. Della vita, delle scelte, del rapporto tra noi e i nostri genitori. Mia mamma avrebbe voluto che fossimo stati più vicini a lei e nella stessa città. Posso anche capirla. Ma le scelte sono nostre, non di altri, fossero anche i nostri genitori. E ognuno è giusto che si faccia le sue di scelte.

Probabilmente se l’avessi ascoltata e avessi fatto tutto quello che voleva lei (università vicino a casa, lavoro vicino a casa, vita in casa in “bamboccione style” fino agli -anta) adesso sarei un alcolizzato. Lo penso davvero. Ma per fortuna ho avuto la forza, ma anche la fortuna, di essermi fatto la mia vita, le mie esperienze, anche i miei sbagli. E lo stesso ha fatto e sta facendo mia sorella. E di questo sono felice.

Altri amici hanno fatto scelte diverse. Dopo un periodo lanciati alla ricerca della carriera hanno deciso di tornare a casa, vicino ai genitori, mettendosi a fare figli come conigli, spesso in modalità “famiglia felice”. Ma saranno davvero felici? Dov’è il confine tra la vera felicità e l’illusione o l’autoconvinzione di essere felici?

Continua a leggere