Archivi tag: travaglio

Dal buio alla luce dopo un parto indotto e travagliato

sala parto lettoAncora non ho capito perché i papà in ospedale devono fare il giro largo. Le mamme, accompagnate dalle infermiere, prendono le scorciatoie da un reparto all’altro, da una sala all’altra. Tu invece, magari con borse, trolley o valigie, devi uscire, prendere l’ascensore o le scale e poi suonare a una porta. Forse lo fanno per farti imparare il percorso o chissà perché.

Siamo entrati in ospedale mercoledì scorso alle 8.30 per l’induzione del parto. Io ho sperato fino all’ultimo che il travaglio partisse per i cavoli suoi, ma niente. The Second di uscire non ne voleva proprio sapere.

Continua a leggere

Benvenuto tra noi

the secondNon sono ancora in grado di scrivere un post sensato su quello che ci è capitato in questi due giorni. Troppe emozioni, troppe cose da fare, troppa stanchezza mista ad euforia (e se sono stanco io non immagino neanche quanto possa essere stanca la mamma).

Solo tre foto.

La prima, poco dopo l’uscita di The Second. Continua a leggere

Fotostory, travaglio parto e nascita

Secondo giorno. Il pupo sembra abbastanza bravo. Ma non lo dico troppo forte, potrebbe presto smentirsi. Domani forse li dimettono e torneranno a casa. Questa potrebbe essere la mia ultima sera da single, come ai vecchi tempi. Pensavo di andare a ubriacarmi con gli amici, ma in giro non c’è nessuno. Quando servono gli amici non ci sono mai. Sarà perché anche loro hanno messo su famiglia? Può darsi.

Ecco un po’ di foto che documentano il nostro (o meglio il suo) travaglio, parto e nascita che ho scattato ovviamente a sua insaputa.

Continua a leggere

Travaglio e parto, la lista per la mamma dell’ospedale

Ecco la lista dell’ospedale dove vogliamo partorire (uso sempre il plurale maiestatis anche se io al massimo durante il travaglio e il parto posso tenerle la manina e incoraggiarla un po’ a spingere). Abbiamo comprato più o meno tutto (tutine, body, copertina ecc ecc.) e anche se non abbiamo ancora fatto la valigia siamo (quasi) pronti al lancio.

Ovviamente io di tutte le pratiche burocratiche, acquisti vari, corredini, esami ecc. non mi sono occupato minimamente. L’unica cosa che ho fatto in gravidanza è stato andare a ritirare degli esami del sangue. Per il resto il tutto è stato sulle spalle della mia dolce metà. D’altronde se sono nato uomo non è colpa mia! La mia funzione è solo di supporto (e cose pratiche tipo seggiolino per la macchina, montaggio del passeggino ecc.).

Dalla “lista per la mamma” che ci hanno dato in ospedale ci sono alcune cose curiose:

Continua a leggere

Altre porno-posizioni durante il travaglio

Ecco la seconda pagina delle “posizioni per il travaglio e il parto” che ci hanno dato al corso preparto. La prima in alto a sinistra è un semplice massaggio al collo. Fin lì tutto dovrebbe andare liscio. La seconda già lascia l’immaginazione aperta a pensieri più maliziosi. La terza, “massaggio circolare sulla regione renale” a parte il “belvedere” rimane sempre un po’ comica. Se sulla carta può funzionare, dubito che al dunque possa essere praticabile.

Si passa poi al reparto fetish, con un classico massaggio ai piedi. (Ma perchè? Aveva su i tacchi? Ha camminato tanto avanti e indietro per la casa in preda alle contrazioni? Mistero). E si termina con i massaggi alla schiena. Ok la figura mi sembra già più realistica e confortante (a parte il fatto che quei due cuscinoni in casa io non ce li ho).

Ieri, dopo secoli, abbiamo ripreso a praticare il “dolce su e giù”.

Continua a leggere

Le posizioni da kamasutra del travaglio e del parto

Al corso preparto l’altra volta ci hanno dato questa fotocopia: le posizioni per il travaglio e il parto. Praticamente un kamasutra. Potremmo tenerla da parte e riutilizzarla dopo il parto, quando la patata sarà tornata in forma alla fine della “riabilitazione” da quella tortura a cui verrà sottoposta.

Da notare i disegni. Perché nel primo c’è una sedia a dondolo? Devo comprarne una? Quella dell’Ikea da 7 euro che ho in casa non va bene?

Ma ci vuole pure la poltrona sacco? (cfr disegni seconda riga). Quella originale di Zanotta??

Perché lei deve stare svenuta con la testa sopra la mia spalla? (riga quarta).

In uno dei disegni (secondo da sinistra nella terz’ultima riga) lei è seduta sul cesso e lui le fa un massaggio alle spalle. Uau!

Ma soprattutto, perché nell’ultima riga, secondo disegno da sinistra, lui è su una specie di “trono” e lei sotto appollaiata sotto le gambe di lui? Misteri della gravidanza…

Il mio primo corso preparto, mannaggia alle prostaglandine

Oggi ho fatto un’esperienza che almeno una volta nella vita consiglio a tutti. Il corso preparto. Finalmente anch’io sono entrato nel club delle partorienti, delle pance di ogni misura e grandezza, dei futuri papà sperduti. Ci sono posti dove mai avrei pensato di trovarmi nella vita. E invece…

Ore 14.30, (orario perfetto per chi lavora, già mi immagino tutti a chiedere il permesso al loro capo) mi ritrovo in una sala gelida che presto si scalderà anche troppo causa respiro dei circa 20 occupanti. Tutti seduti su materassini o cuscini, con schiena al muro e uno accanto all’altro. Niente scarpe, quelle si tolgono all’entrata. (Ovviamente io ero nel posto più vicino alle scarpe ma per fortuna non c’erano suole all’olezzo di formaggio francese in giro). Prima di uscire Anna ovviamente mi ha detto di controllare che le mie calze non fossero bucate (suggerimento non scontato).

Con noi gente di ogni tipo: giovani, meno giovani, impauriti, rassegnati, incuriositi, esperti, decisi. Tema della lezione: travaglio, parto, nascita. Mica cazzi!!

Continua a leggere