I gnappi da grandi con le loro fidanzate

gemelliIo me li immagino il gnappo e The Second da grandi. Sempre che non cambino e il loro carattere rimanga quello. E mi immagino anche come saranno le loro future fidanzate.

Per farmi un’idea mi baso su quelle presenti, visto che anche The Second al nido ha una fidanzata che è un po’ più piccola di lui, ma che lo sa gestire come solo una donna sa fare con un uomo.

Il gnappo da grande: i dolori del giovane Werther

Il gnappo è un fagiolone. E’ buono d’animo. Ingenuo. Sclera ogni tanto per sfogarsi, ma quando è fuori è un agnellino. E’ inutile dire che quando vedo il gnappo vedo uno specchio in miniatura. Tanti dei suoi modi di fare sono anche i miei. Le fissazioni, l’andare in stand by la mattina, farsi i film sul nulla, fare il coglionazzo sempre e comunque.

Ma anche la su voglia di fare gruppo, di farsi amici sempre i più discoli, di essere timido, di non aver ancora capito che con le donne bisogna saperci fare.

Il gnappo ha una fidanzata. Che è una fidanzata un po’ “in condivisione”. Una sharing girlfriend. E lui si è innamorato. Perché ne parla sempre. Perché adesso non fa più capircci per andare all’asilo perché sa che c’è lei.

La settimana scorsa lo sono andato a prendere io all’asilo. E di sguincio me la sono fatta indicare. E’ sveglia il triplo di qualsiasi maschio della loro età. Ha i capelli lunghi e uno sguardo da furbetta. Devo dire che ha scelto proprio bene il gnappo (ho forse è meglio dire che è stato scelto…) anche se non ha l’esclusiva.

Lei è proprio una bambina carina. E lui si fa i film: “Chiara è la mia fidanzata…”, dice con sguardo sognante. Tatone lui.

Bisognerà poi spiegargli che in amore vince chi fugge ecc. Ma so già che anche lui, come me, non sarà mai in grado di metterlo in pratica, anche imparando a memoria Teorema di Marco Ferradini.

The Second da grande: lo stalker

The Second invece è uno stalker. Lui individua la sua “vittima” e inizia a stalkerizzarla perché su di lei vuole avere l’esclusiva. Lo fa con la sua mamma, la sua maestra e anche con la sua fidanzata con la quale però ha un rapporto meno morboso sembra.

Perché lei, piccola grande donna, sa gestire i suoi scleri. Lo difende quando gli altri bimbi vogliono strappargi qualcosa di mano. Gli dice di non urlare. Lo adora e fa di tutto per far sì che lui sia tranquillo e incontrastato.

A differenza del gnappo, The Second è un leader. Un leader che se si mette a urlare ti fa sanguinare le orecchie, tanti sono i decibel che riesce a emettere da quella boccuccia durante i suoi scleri.

Se lei lo difende, poi lui le dà pure un bacio come ricompensa. E lei è contenta di aver difeso il suo mini-uomo, come una geisha in apprendistato.

Io già ce lo vedo The Second con una sua ipotetica fidanzata a 16 anni…

“Perché non mi hai risposto su WhatsApp??!”. “Ho visto che hai letto il messaggio, si può sapere con chi cazzo eri??!”. “Non farlo mai più perché quantèvveroiddio ti mollo all’istante”. Oppure, variante: “Non osare mai più perché altrimenti mi ammazzo e poi mi avrai sulla coscienza per sempre!!”.

Paranoie e scenate insomma. Loro proveranno a giustificarsi in qualche modo, ma lui sarà implacabile. Riuscirà sempre a farle girare come vuole. Perché lui il bastone e la carota con le donne della sua vita li sa già usare.

Lui è così, un adorabile manigoldo. Carismatico e deciso. E sarà irresistibile. Fiuterà lontano un miglio le “prede” che potranno stare al gioco. Al suo gioco.

Il gnappo invece è un indeciso cronico, come me del resto. E di sicuro avrà vita dura con l’altro sesso. E’ un sensibilone e so già che per amore soffrirà tanto. Ma è adorabile anche lui ed è giusto che prenda anche lui le sue lezioni dalla vita.

Il bello è che sono fratelli. E sono quanto di più diverso ci possa essere. Ma tra di loro sono compatibili. E si amano alla follia (scleri e litigi fisiologici a parte ovviamente).

Spero si daranno manforte da grandi e possano fare sempre squadra. Il piccolo darà una svegliata al grande e il grande arginerà il piccolo.

Intanto mi godo le loro scene con le rispettive fidanzate e rido. Pensando a quando quelle fidanzate avranno davvero a che fare con loro tra qualche anno.