L’inserimento alla scuola materna

asilo nido inserimentoAbbiamo iniziato l’inserimento alla scuola materna del gnappo. Non sarà una passeggiata. Almeno così mi dice Anna che se lo sta smazzando in toto. Per fortuna quello di The Second è andato bene, ma il “salto” dal nido alla scuola materna del gnappo non è uno scherzo. E sembra che la mia dolce metà sia un po’ preoccupata.

Mercoledì andrò io se serve ad accompagnarlo, così, giusto per farmi un’idea. Secondo me un primo bilancio realistico si potrebbe fare a Natale. Adesso è presto. Ma di sicuro dal nido privato all’asilo pubblico è un bel cambiamento. E il gnappo è refrattario al cambiamento. Non sarà facile farlo abituare.

Ecco cosa mi ha scritto Anna dopo la giornata di oggi:

Anche oggi la giornata è stata duretta.

Il gnappo è entrato abbastanza tranquillo, a parte la solita caziata perché fa il coglione con il monopattino. Adesso glielo tolgo e amen.

Là un primo momento di nervosismo perché cazzo sono queste ciabatte, no io entro in calze, mettiti ‘ste ciabatte! Comunque poi le ha tenute su e ha giocato tranquillo per una mezz’oretta con sabbia&didò chiamandomi poco. Delirio quando sono andata via, voleva venire con me e si è messo a piangere tanto. Sono uscita con lui piangente e pare che non sia migliorato molto. Quando sono tornata era vicino alla maestra e appena mi ha vista giù di nuovo a piangere. Molto bene. Domani ancora 10,30-11,30.

Comunque i bambini sono sempre in autogestione con i soliti 4/5 giochi, ognuno si fa i cazzi suoi e il nostro nano non ha ancora socializzato (neppure altri comunque…)“.

Sembra che i bambini giochino per conto loro. Venticinque in una classe non sono facili da gestire. Ma se giocano da soli e sono un po’ abbandonati a loro stessi è anche difficile che facciano gruppo. Staremo a vedere. Adesso è presto per giudicare. Incrociamo le dita.