Quattro mesi di The Second

gnappo e the secondBuon sabato.Toh chi c’è. Ecchime qua. Sono ancora vivo. Sempre assonnato certo. Sempre più offline che online. Disconnesso, ma questo è un costante stato mentale.

Il cambio dell’ora e l’aumento della luce mi mettono sempre di buonumore. Il caldo di questi giorni anche. Uscire dalla doccia e non avere freddo mentre cerco di infilarmi l’accappatoio ha sempre il suo perché. E’ la primavera bellezza.

E con la primavera The Second è arrivato ai suoi primi quattro mesi di vita: mangiando e piangendo (tanto) e dormendo (poco). Come per il gnappo io l’ho già inquadrato. E mi sembra un bel rompiminkia. E’ bello eh… Tanto bello. Di quei bambini dagli occhioni grandi e lo sguardo da bebè che ti fanno tanta tenerezza.

Tenerezza che svanisce subito visto che lui piange per qualsiasi cosa. Primo perché vorrebbe vivere in braccio. H24. Se lo metti giù piange. Urla. Strilla. Strepita. Si inkazza. L’unica che riesce a placarlo è Anna. Lui è mammadipendente. Anzi, tettadipendente. Con me adesso non c’è  ancora gran feeling. Perché sa che io non ho il latte. E forse ha intuito che mi sta un po’ sulle balle quando piange per niente. Ma così è e ce lo teniamo. Ci mancherebbe… Avrà altre doti, mettiamola così.

Vedremo quando crescerà (adesso mette vestiti taglia di almeno 6 mesi), se il caratterino migliorerà, ma per adesso lui ha i suoi obiettivi e te li fa capire molto bene.

Ultimamente però è migliorato. Piange un po’ di meno. Sorride molto di più. Mangia sempre tanto e solo dalla tetta (il biberon non gli piace proprio, anche se c’è dentro il latte materno). Forse ha già fatto uno dei temibilissimi scatti di crescita (dicasi “scatto di crescita” quando un neonato piange più di prima, almeno, io l’ho capita così…) e quindi le notti sono sempre un po’ movimentate.

Quando il gnappo è nei paraggi e lo vuole baciare o toccare (cioè sempre) adesso ha un po’ meno paura. Sembra essersi abituato al fratello. Ma se la mamma (aka il suo latte con le gambe) sparisce dalla circolazione, lui la cerca con gli occhi e se non la vede strilla. Ecco, diciamo che io non potrei mai prenderlo su e andarmene in giro tra Francia e Spagna solo con lui prima di essere sgamato. Per dire… Quindi lo appalto volentieri alla sua genitrice. Fin troppo devo ammettere.

Il gnappo invece è sempre più tenero e testone. Viene sgridato regolarmente perché non ascolta, quando lo sgrido poi è mortificato e mi fa una tenerezza infinita. Ma a parte questo me lo spupazzo per bene e cerchiamo di giocare il più possibile. Anche leggere le storie insieme sul suo letto prima di dormire è un momento molto bello. Insomma, meno male che il gnappo c’è. E meno male che The Second crescerà. Anche se magari non sarà più bello come adesso. Ma avrò le foto, no problem.

  • anna

    Mi chiedevo di te/voi! Senti ma le sgridate hanno effetto? No perché qui l’adolescente precoce ha questo iter:capriccio/ non lo dire alla mamma o al papá/ pianto isterico da sceneggiata napoletana perché non vuole andare via/ autoaccusa al genitore assente/ pianto urla ecc… mentre con le buone gli si spiega dove ha sbagliato/poi si passa alla sgridata che si conclude cn lui che ti dice:”basta non DICERE più quelle cose li, ho capito non lo faccio più.” E la volta dopo punto e a capo.

    • Ciao! La sgridata ha effetto a breve termine. 🙂 Dipende dai casi però. Ti dico solo che l’altro giorno mi ha dato una testata con la nuca perché si è arrabbiato, e avendo gli occhiali mi ha fatto uscire il sangue dal sopracciglio. Era arrabbiato perché non gli veniva la fila di macchinine perfetta. L’ho sgridato e le macchinine sono sparite per una settimana dalla circolazione. Dopo qualche giorno è venuto a chiedermele e allora gli ho spiegato che non bisogna arrabbiarsi mentre si gioca ecc. E sembrava quasi ascoltarmi. Sembrava eh… Piccole soddisfazioni, ma ovvio che lui si arrabbierà sempre e mi farà ancora male con le testate. Soluzione non credo ci sia. Se non la solita pazienza. 🙂

  • sara

    ciao ti seguo da tanto anche se non commento spesso però mi piacerebbe sentire anche la voce della mamma sulla descrizione dei pargoletti e di the second in particolare perchè qualcosa mi dice che forse lei lo vede in modo diverso. Auguri per tutto.

    • Ciao Sara, eh eh. La mamma concorda con me sul fatto che lui sia un “bello spaccaballe” (come lo può essere un nano di 4 mesi ovviamente) 😉 Però lei lo adora. Molto più di me. Si vede proprio che ci va d’accordo e che c’è intesa. Forse più che col gnappo con cui invece vado più d’accordo io perché è un coglionazzo tale e quale a me. E’ questione di età e di carattere secondo me, che col tempo ovviamente può cambiare. Detto questo i figli so’ piezz ‘e core. E tanto ormai lo scontrino di The Second l’ho buttato, quindi se lo riporto in ospedale alle ostetriche non me lo cambiano più. 😀 😀 😀 Scherzo eh! Che poi la gente qua mi prende alla lettera e mi denuncia al Telefono Azzurro, Rosa e Verde.

  • manu179

    Aahaha il Tato terrorizzato dall’idea di avere figfli è rimasto fregato perché il nostro the first è scassaballe solo quando ha sonno e cio’ succede intorno alle 21.30/22 per il resto “E’ uno spettacolo” parole sue!!Quindi ora teme il momento in cui chiedero’ il secondo…

    • Fantastico. E cmq potrebbe andarvi bene anche al secondo giro. Mica detto eh… E comunque un po’ di “fatica” dovrete pure farla anche voi no? Un po’ di solidarietà echeddiamine! 😀