La vita è breve, 10 consigli per restare fedeli

ashley madisonAshley Madison è un sito per fedifraghi. Qualche giorno fa degli hacker hanno attaccato i loro server, hanno scoperto i nomi degli iscritti e li hanno sputtanati in rete. Il sito, che millantava “massima discrezione e sicurezza”, faceva pagare anche un supplemento per rimuovere tutti i dati degli utenti. Ma evidentemente era una balla, perché quei dati gli hacker sono riusciti a trovarli lo stesso.

Dopo che i nomi degli iscritti sono stati resi pubblici, insieme a mail, preferenze sessuali e carte di credito, ci sono stati tre suicidi. Tre uomini si sono tolti la vita. Tragica ironia della sorte, il claim del sito è “Life is short, have an affair” (La vita è breve, concediti un’avventura).

“I nostri servizi per incontri tra individui Sposati Funzionano. Ashley Madison è la migliore piattaforma per incontrare amanti ideali e per avventure extraconiugali”, promette il sito che insiste molto sul fatto che il loro target siano proprio gli uomini sposati, come se il matrimonio fosse un’inutile errore di gioventù dal quale liberarsi al più presto.

“Concediti una scappatella su Ashley Madison. Migliaia di mogli e mariti infedeli si registrano quotidianamente. Siamo il sito più famoso per incontri discreti tra individui sposati. Gli incontri extraconiugali non sono mai stati così facili”. Un sito per trovare un’amante. Ce ne saranno a migliaia in rete. Ci si conosce, si tromba e via. Tutto come prima. In teoria, certo…

Questi siti ti “sponsorizzano” l’adulterio come se fosse la cosa più normale del mondo. “Concediti una scappatella, che vuoi che sia?”. La loro comunicazione subdola si basa sul rendere “leggero” un atto grave. Una volta lo si chiamava adulterio, ora fuitìna, scappatella (tutti vezzeggiativi per alleggerirne il contenuto). La lingua è un’ottima cartina di tornasole dei costumi.

Ma le balle, anche quelle coperte da “siti sicuri”, prima o poi vengono a galla. Le bugie hanno le gambe corte. E le conseguenze sono tragiche: divisioni, divorzi, ferite insanabili, addirittura suicidi e omicidi. Basta aprire i giornali e capire che alla fine, sotto i “motivi passionali” ci stanno i tradimenti.

Ecco perché, secondo me, la comunicazione andrebbe ribaltata. Bisognerebbe comunicare quanto sia bella la fedeltà. Oppure quanto sia pericolosa e subdola l’infedeltà, nonostante la tentazione te la faccia apparire come la cosa più desiderabile del mondo. Ma la fedeltà, si sa, non fa notizia. Sembra qualcosa di grigia, non rosa. Invece è bianca, splendente. luminosa. La fedeltà è una virtù non da poco. E andrebbe comunicata meglio.

Non è solo questione di punti di vista. Ci sono dei punti, secondo me, che andrebbero tenuti in considerazione. Ai quelli spesso, chi ci casca, non pensa abbastanza. Ecco un piccolo decalogo anti Ashley Madison. Incompleto, terra terra, ma, da uomo a uomo, è quello che mi viene da dire.

1) La vita è breve. Resta fedele. Il claim si può benissimo ribaltare. Contiene una parte di verità. La prima frase. Ma proprio perché la vita è breve vale la pena restare fedeli a quella persona che ha deciso di stare con voi tutta la vita, nella buona e nella cattiva sorte, e che potrebbe essere al vostro capezzale, tenendovi la mano in punto di morte. Quel momento potrebbe arrivare prima che ve lo possiate immaginare e solo lei può darvi quel conforto che nessun’altra vi potrà mai dare. L’amore vero è fedele e continua anche dopo la morte.

2) Le bugie hanno le gambe corte. Prima o poi le balle vengono a galla. Il mondo è piccolo, la tecnologia è il peggiore alleato e il tradimento non si può nascondere all’infinito. Prima o poi salta fuori. Alla faccia della “massima riservatezza” che pubblicizzano i siti di incontri. Quindi, se state pensando “Ma sì, cosa vuoi che sia, tanto lei non lo verrà mai a sapere”, state facendo un grosso errore. Se lo fate, lei lo verrà a sapere. E’ garantito.

3) Pensate alle conseguenze. Di sicuro lei non la prenderà bene. Le sue reazioni possono essere imprevedibili. Una donna tradita, ferita, ha tutto il diritto di reagire in malo modo. Non funziona il ragionamento: “Ma sì, che vuoi che sia, io amo solo te”. Voi cosa fareste al posto suo? Famiglie rovinate per una scopata fuorivia. Figli lacerati. Pratiche legali. Alimenti. Conto in banca azzerato. Per cosa? Già, per cosa…

4) Tutte le donne ce l’hanno uguale. Io posso capire cosa attiri un uomo. Al di là dell’intesa intellettuale, alla fine è quella roba lì, non neghiamocelo. E alla fine, quell’atto che agli uomini piace tanto, è e rimane quello. Finisce sempre nello stesso modo. Con tua moglie, la segretaria o la più gnocca dell’ufficio. Ne vale la pena? A pensarci sembra la cosa più bella del mondo. Ma, alla fine della fiera, l’atto sessuale sempre quello è. E se usato in malo modo può lasciare un vuoto grande. Siamo uomini o animali? Pensare prima di agire. Tanto vale spendere le proprie energie per migliorare il rapporto, anche sessuale, con la persona che vorremmo tradire.

5) Le promesse vanno mantenute. Questo è quello che insegniamo ai bambini. Le promesse si mantengono. Peccato che per molti uomini la cosa spesso non valga. Chi è sposato, sia in chiesa che in comune, ha promesso la fedeltà. E ha pure firmato un contratto scritto, nero su bianco. Davanti a testimoni. La tentazione fa dire: “Ma sì, tanto nessuno lo verrà mai a sapere”. Ma vuoi avete infranto una promessa. Prima di tutto con voi stessi. E niente sarà più come prima.

6) Un’amante costa tempo e denaro. Vabbé, mettiamola terra terra. Non ho mai capito come un uomo riesca a trovare il tempo per avere un’amante. E’ una scelta del tutto antieconomica. Cene, regali, weekend. Più figli e moglie a casa da mantenere. Avere un’amante è come avere una Ferrari. Per i soldi che si spendono e per il rischio di schiantarsi.

7) Adamo ed Eva. Il tradimento è come il racconto di Adamo ed Eva. In quella storia della Genesi c’è l’essenza del tradimento. Un frutto attraente, un serpente che istiga, un oggetto “buono da mangiare, gradevole agli occhi e desiderabile”, le bugie dette per nascondersi, l’accusarsi a vicenda e la rottura delle precedenti relazioni. Non era meglio restare in paradiso invece che cascarci con tutte le scarpe? La risposta non c’è, rimarrà sempre un mistero.

8) C’è più da perdere che da guadagnare. Perché tradire? Quali sono i vantaggi? Facendo un’analisi Swot i punti di debolezza sono più dei punti di forza e i rischi più delle opportunità. Tutte le forze fisiche e mentali che si utilizzano per tradire si potrebbero usare per riallacciare un rapporto o semplicemente per migliorarlo. E non ci sono controindicazioni.

9) Tradire è pericoloso. Tra due persone sentimentalmente libere è tutto più facile. Ci si può conoscere, scoprire liberamente, tutto alla luce del sole. Se uno dei due, o entrambi, sono già impegnati, bisogna fare i conti anche con chi è coinvolto indirettamente nella relazione. Mogli, mariti, figli, fidanzati. E non è detto che queste persone siano ragionevoli o pacifiche e che lascino che il vostro rapporto fugace non abbia conseguenze. Ogni giorno basta aprire la cronaca nera per rendersene tristemente conto.

10) La fedeltà è difficile, ma bella. Se due persone libere si sono conosciute, amate, sposate e hanno avuto dei figli, il fatto che restino insieme tutta la vita, senza sporcare il loro rapporto è la cosa più bella del mondo anche se difficile. E’ una maratona piena di ostacoli, ma la soddisfazione di tagliare il traguardo può essere impagabile. Non è impossibile, ma bisogna crederci e resistere. Ulisse è stato più furbo delle sirene e si è fatto legare all’albero della nave. La vita è troppo breve per rovinarsela per un niente. Meglio andare sempre avanti, insieme.