Quattro anni e un anno

the second primi passi (3)Quello là adesso cammina. Ormai si alza in piedi da solo, prova a trovare il suo equilibrio, muovendo il bacino avanti e indietro, e poi stacca un piede da terra. Prima uno e poi l’altro. E va avanti. E ride.

Quando cammina sembra un orso. Che sono un po’ dinoccolati su due zampe, e sembra stiano camminando sulle uova, sempre in cerca di un equilibrio… Ma è bello da vedere. Proprio bello. Il suo sguardo truce c’è sempre, ma in compenso ride un sacco. E’ un simpaticone The Second. Incazzoso e simpaticone. Un bel mix, non c’è che dire.

gnappo the second (2)-2000

La libreria per aria

Col fratellone è in simbiosi. Si stanno addosso quei due là. Il gnappo lo tormenta di brutto. Lo bacia, lo ribalda, lo saccagna non poco. E The Second sta al gioco, finché non si esagera. Poi, se l’altro non c’è, è lui che lo cerca. Sono proprio belli quei due lì. Quattro anni uno, un anno l’altro. E adesso che il secondo sta diventando un bipede chissà quante ne combineranno.

gnappo the second (1)-2000

I due ditruttori all’opera

Il gnappo è più geloso di me che della mamma quando c’è l’altro di mezzo. Ma l’altro non molla le posizioni. Se sto coccolando il gnappo ecco che The Second si infila e cerca di togliere il fratello di mezzo. Se invece sto coccolando The Second, il gnappo da lontano mi guarda. E io incrocio sempre il suo sguardo un po’ perplesso. Lui ormai le coccole non se le fa più fare. Ma un po’ di lotta sul tappeto tra noi due ci sta sempre. Ci piace.

Non pensavo che tra loro due si sarebbe creato questo feeling. E’ un regalo preziosissimo. Vedere che si vogliono bene, si cercano, c’è intesa tra i loro sguardi. Due maschioni dalla testa dura che insieme la loro papà danno un bel po’ di filo da torcere alla mamma. Immaginate tre maschi. Uno più disconnesso dell’altro. Uno grande, che non trova le cose, va in stand by col cervello ogni tre per due ed è attratto magneticamente dal divano.

L’altro medio che il cervello lo spegne spesso perché è uguale al papà. E fa il coglionazzo dalla mattina alla sera. Ma è tanto dolce, anche se a volte fa venire un po’ di nervoso perché le sue scimmiette nel cervello non ne vogliono sapere di ascoltare quello che gli viene detto.

Quattro anni e un anno

Quattro anni e un anno

E poi il nano. Che sta mettendo i denti, sbava ancora e vuole camminare. Si incazza come una biscia se tutto non è come vuole lui, addirittura sbatte per terra i cucchiai dal seggiolone. Ma se lo sgridi e gli fai toc toc sulla manina diventa una belva e prova a reagire dandoti schiaffi allungandosi pure per darti un calcio. Ma con le balle girate a mille proprio. A un anno e due mesi. Promette bene l’attaccabrighe.the second primi passi (2)-2000

In queste foto cammina con l’ombrello. Come Charlie Chaplin infatti è un grande dittatore. C’è da dire che lo sguardo ce l’ha.the second primi passi (1)-2000

Io e Anna vorremmo che il tempo si fermasse. Che i nani non crescessero. Perché sono belli così, anche se ci tirano scemi. Quattro anni e un anno. Fratelli. E un amore immenso che davvero è raddoppiato. Anche gli sbattimenti sono raddoppiati a dir a verità, ma senza un po’ di fatica che gusto c’è?the second primi passi (4)-2000