Immaturi il viaggio e i tradimenti in vacanza

immaturi il viaggio locandina Finalmente ho visto il sequel di Immaturi, Immaturi – Il Viaggio. Il primo l’avevo visto in un cinema all’aperto, qualche anno fa. Venerdì hanno dato il secondo in tv e me lo sono guardato tutto, anche grazie al gnappo che si è addormentato presto.

Immaturi 2 è un filmetto leggero, niente di intellettualmente impegnativo. Ma dopo aver visto La Grande Pesantezza (arrivato a metà ho spento, non ce l’ho fatta…), avevo bisogno di qualcosa di più easy. Mi piacciono le storie postadolescenziali, quelle che fanno scattare un po’ di seghe mentali sulla vita. E poi fa venire voglia di vacanze.

Del film avevo parlato anche qui, in riferimento al divorzio di Raoul Bova. Più che una commedia, una profezia: lui che tradisce la moglie per una spagnola tutto pepe che gli fa perdere la testa sia nel film che nella realtà. Toh. Metacinema praticamente. Un personaggio che si è portato dietro nella vita, altro che metodo Stanislavskij. (Ah, Anna dice che Bova si è messo con la spagnola solo per smentire le voci sulla sua presunta omosessualità. Non male…).immaturi il viaggio rocio munoz e amica

Il personaggio interpretato da Raoul, Giorgio Romanini, sta per diventare padre. La moglie gli fa un po’ di paranoie prima della partenza perché è molto gelosa. Lui va in vacanza in Grecia, a Paros, con gli amici (quelli che ha ritrovato nel primo film e con cui ha ridato l’esame di maturità) e la prima sera, mezzo ubriaco, trova l’avventura con la spagnolita sulla spiaggia. La sua spalla, Ricky Memphis, viene solo leccato sul collo dall’altra spagnola, ma si fa ancora più paranoie dell’amico a cui seguiranno divertenti gag a tema tradimento per tutto il film.immaturi il viaggio rocio munoz

Memorabile la scena di lei, Anna (interpretata da Rocio Munoz Morales) che cammina in riva al mare come Charlize Theron. Il fedifrago tiene il filo del suo vestito che si accorcia a poco a poco e lei gli dice: “Sei sicuro di saper resistere?”. A quel culo che parla ovviamente lui non sa resistere. Figurati, appena arrivato in Grecia si era subito tolto la fede dal dito…. E quando un uomo si toglie la fede per uscire la sera o 1) è allergico all’oro o 2) ha già un obiettivo chiaro in mente. Il 90% delle volte è la 2). Sapevatelo.

immaturi il viaggio culo rocio munozIl resto del film si gioca su una serie di equivoci, di sensi di colpa, gag, coincidenze, vita di coppia, amicizia, sogni, voglia di restare sempre giovani e di tornare ad avere 20 anni. Anch’io l’ho guardato con un po’ di nostalgia, devo ammetterlo. La stessa che fa da sottofondo al film.

Carino anche il ruolo di Luca Bizzarri nella sua liason estiva con la bella Gloria (Francesca Valtorta). Lei che vuole dimenticare un suo ex e per questo cerca l’avventura. Lui che non si prende mai responsabilità (lo stratagemma che lo porta a fingere di essere padre per non avere scocciature dalle fidanzate è eccezionale), ma ci cade dentro. L’amica (frustrata) di lei che fa di tutto per lasciare che la loro sia una relazione da una botta e via e mette i bastoni fra le ruote.

immaturi francesca valtortaNella pellicola emergono anche la difficoltà della convivenza in vacanza (a chi non è capitato di sclerare come Ambra verso la fine del film?), le bugie di Raoul-Giorgio dette alla moglie, le balle di Luca e Paolo, la sorpresa della fidanzata di Luca (Piero Galeazzi) che arriva sull’isola greca all’improvviso (non bisogna mai fare le sorprese…), la tresca di Virgilio-Paolo Kessisoglu via sms con una sconosciuta e quella reale con l’amica malata di tumore (carino l’imbarazzo quando lei lo bacia e il feeling che si crea tra i due). Il misunderstanding poco prima della consegna dell’anello di fidanzamento e il lieto fine tra i due che si devono sposare (Memphis e Barbora Bobulova), la moglie che alla fine perdona Raoul e gli confessa inaspettatamente un suo tradimento (reale o inventato solo per ripicca? Chissà…).

immaturi il viaggioUno specchio sulla generazione degli eterni Peter Pan, quelli che non vorrebbero mai crescere e prendersi le proprie responsabilità. Gli Immaturi appunto. Che però  i conti con la realtà prima o poi li devono fare. Sarà per questo che il film ha vinto la gara degli ascolti della serata (o magari perché sugli altri canali non c’era niente a parte Crozza e Brignano). Forse in ognuno di noi c’è un pezzo di quei personaggi. Magari solo un aspetto. Mentre quel che lega tutto e tutti è l’amore. Con la A maiuscola o minuscola poco importa. C’è l’infatuazione, la voglia di scegliersi, di stare insieme, di non riuscire a stare lontani, della paura per una bugia detta, della gelosia, della fedeltà a tutti i costi, del disimpegno, dell’attrazione fisica di una sera.

E poi c’è il sesso (quello di Raoul Bova e Luca Bizzarri). Che in vacanza si vive con il disimpegno, giusto per trasgredire, per evadere, per “sentirsi in vacanza”. Ma che, lo si voglia o no, lascia più segni di quanto non si pensi.raoul bova rocio munoz morales