Archivi categoria: Provato per noi

Fertilità maschile, la prova del test fai da te (tutorial)

test fertilità maschile fai da te (0)Da quando ho aperto questo blog (prima ancora di diventare papà per la prima volta) nell’ormai lontano 2011 ogni tanto mi arrivano delle mail di prova prodotto.

C’è un po’ di tutto, dall’album fotografico online, alla startup che ha creato la app che trasforma il tuo smartphone in un termometro a infrarossi, passando per marche di scarpe per bambini fino al “cambio merce” con alcuni articoli sportivi (peccato che io e lo sport siamo due galassie ancora molto lontane).

Recentemente ho ricevuto una proposta di prova prodotto che mi ha incuriosito e che ho accettato di fare… per il bene della scienza.

Continua a leggere

Nidi gratis, forse stavolta ce la facciamo: ecco come fare

Nidi gratis, forse stavolta ce la facciamo.

nidi gratis 2017 come partecipare

Dopo aver perso il bonus bebè suo tempo, quei soliti 80 euro di Renzi, aver perso il bonus mobili perché avevamo già ristrutturato casa (con detrazione ancora al 36% invece che al 50%), forse l’anno prossimo avremo l’asilo nido gratis per The Second, grazie al nuovo reddito di autonomia 2016 della Regione Lombardia.

Avevo visto in giro per Milano i cartelloni che parlavano di reddito di autonomia e nidi gratis, ma ho pensato: “Seee, sarà la solita fregatura, figurati se noi ci rientriamo dentro…”.

E invece no, pare, (pare…) che, per una volta, ce la potremmo anche fare.

Continua a leggere

Sulla pista ciclabile della Martesana, una giornata tutti in bici

pista ciclabile martesana con i bambini (9)L’autunno scorso abbiamo scoperto la pista ciclabile della Martesana dove poter andare a fare dei lunghi giri in bici con i gnappi. Che per chi non fosse di Milano, la Martesana è un piccolo naviglio che scorre a nord della città, progettato da Leonardo e finito alla fine del 1400, che va fino a Trezzo d’Adda. Lì c’è una mega pista ciclabile che congiunge Milano a Lecco, passando per paesi carini che costeggiano tutto il naviglio, attraversando parchetti per bambini, mercatini, alberi, un mulino, pantegane, papere che sculettano e che pedalano allegramente nell’acqua.

La cosa bella è che riusciamo a raggiungere la pista ciclabile uscendo di casa in bici, cercando di lasciarci alle spalle il più in fretta possibile il casino e dalle macchine della città, e dopo pochi chilometri imboccando la zona riservata a bici e pedoni su via Melchiorre Gioia dove inizia il percorso. Poi da lì è tutta una biciclettata in piano, passando per Vimodrone, Cologno Monzese, Cernusco sul Naviglio, la bellissima Gorgonzola (sì, quella del formaggio e del mercante del Manzoni), fino a Crespi d’Adda, Trezzo d’Adda e volendo, per chi ha gambe e voglia, fino a Lecco.

Visto che il tempo è stato clemente negli ultimi due weekend abbiamo preso su le bici e di domenica siamo andati a pedalare. Domenica scorsa ho fatto lo sportivo e mi sono avventurato da solo con i gnappi.

Continua a leggere

Festa a tema Spiderman, idee per il compleanno del gnappo

Festa tema Spiderman

Festa tema Spiderman

E’ passata una settimana dal compleanno del gnappo. Per la prima volta, in occasione dei suoi quattro anni, ci siamo avventurati nel magico mondo delle feste a tema. E visto che l’Uomo Ragno è uno dei suoi supereroi preferiti abbiamo cercato di organizzargli una festa a tema Spiderman.

Prima di tutto dovevamo definire la location. Capire dove farla ‘sta benedetta festa. Quanti amici invitare ecc. Siccome è al suo primo anno d’asilo di scuola materna scuola dell’infanzia e non abbiamo ancora socializzato molto con i genitori dei suoi compagni di classe (praticamente l’entrata all’asilo è tipo una “consegna pacco”: saluti bidelle, saluti maestra, gli infili le pantofole e via) abbiamo invitato gli amici di “vecchia data”, alcuni del nido e un paio di figli di nostri amici (che sono anche suoi quindi). Dei 10 invitati hanno risposto all’appello in 6. Numero perfetto per due genitori antisbattimento.

Continua a leggere

Come ballare il liscio senza esserne capaci

fisarmonica liscioA me e ad Anna piace ballare il liscio. Anche se non siamo capaci. Non siamo mai andati a scuola di ballo e non balliamo mai durante l’anno. Le uniche volte sono d’estate, in vacanza, quando i nonni tengono i gnappi e noi ci mettiamo alla ricerca di sagre, con specialità tipiche e orchestrina di liscio. Top.

Andare a ballare il liscio almeno una volta l’anno è uno di quegli appuntamenti fissi, tipo anniversari, che ci dispiacerebbe mancare. Ormai non andiamo più a ballare. In discoteca dico, dove non ci vedono più o meno da prima di sposarci. Così, giusto per illuderci di essere ancora un po’ giovani (e spensierati), andiamo a ballare il liscio in mezzo agli anziani. Anche perché se andassimo in disco a mischiarci tra i ragazzini che puzzano di dopobarba e di Intesa pour homme e ci danno dei “lei” saremmo patetici. Ma vabé.

Continua a leggere

Il boss delle torte

il boss delle torteIo lo so che non esistono giochi da maschio e giochi da femmine. O meglio, è quello che mi dicono tutti e pian piano sto provando a convincermene anch’io. E ho voluto fare la prova del nove quando ci hanno regalato il set delle torte Play Doh, la cosiddetta Torta pasticciona.

Scevro da ogni pregiudizio, una domenica mattina, provando a mettermi nel panni di un cake designer vestito da Nonna Papera, mi sono messo a fare le torte con il gnappo.

Continua a leggere

Ciuccio fosforescente, la svolta nelle notti tormentate

ciuccio fosforescente MAMIl ciuccio fosforescente ci ha cambiato la notte. Non so perché lo abbiamo comprato solo con The Second e non ci è venuto in mente prima. Col gnappo infatti uno dei miei sport era la ricerca disperata del ciuccio nel lettino. E non era il massimo della vita.

The Second invece ha un altro rapporto con il ciuccio. Lo sputa infinite volte per notte. A volte lo prende in mano e lo lancia via. Di solito lo fa perché la tetta.

Inferno notte. Di solito la dinamica è questa: lui piange, io mi alzo, vado nella loro cameretta, provo a rimettergli il ciuccio. A volte funziona, altre, quasi sempre, no. Allora prendo nel buio la sua acqua e gliela do. Ma lui a 10 mesi ancora non sa bere bene. Fa lo “sbruffo” alla fine e si bagna la tutina.

Continua a leggere