Libri per mamme e papà, letture sotto l’ombrellone

libro

Foto da Flickr

E’ partito il countdown. Le vacanze al mare si avvicinano. Ancora pochi giorni in casa da single e poi raggiungerò la family. Ormai in spiaggia riuscire a leggere è un’impresa. Credo che ancora più dell’anno scorso ci sarà da stare dietro al gnappo. Bagni al mare, formine, giochi con la sabbia, spalmature di crema ecc. Di relax ce ne sarà poco. Ma qualche libro volendo si può portare sotto l’ombrellone. Anche se non è detto che, visto l’andazzo del tempo in questi giorni,  servirà a ripararsi dal sole… Crediamoci.

Intanto ecco un elenco di libri scritti da mamme e da papà. Si va dal cazzeggio puro ai temi impegnativi come quello dell’adozione. Manuali, romanzi, ebook e saggi. C’è un po’ di tutto.

Continua a leggere

L’albero di Mauro, da attore a clochard

mauro viale lazioMauro ha 60 anni ed è un attore. L’ho incontrato per la prima volta circa un mese fa davanti a una banca. Mi ha chiesto una sigaretta con modi gentili e ci siamo messi a parlare. Mi ha raccontato che si è trovato in strada dopo aver prestato dei soldi ad alcuni amici che non gli sono mai tornati indietro e dopo che la moglie gli aveva svuotato il conto in banca per andare con un uomo di 25 anni più giovane di lei.

Mauro da più di nove mesi vive per strada. Il suo indirizzo adesso sono le panchine di viale Lazio. Dorme riparandosi sotto il tetto della casupola di uno scivolo per bambini. Chiacchiera con la gente che incontra, a cui regala un sorriso e uno dei suoi monologhi. Mauro non si lamenta mai. Nonostante la condizione temporanea di clochard, dice che è riuscito a trovare il lato positivo anche in questa difficile esperienza. La gente del quartiere gli vuole bene e lui vuole bene alla gente.

Continua a leggere

La mia vita da Cenerentolo: messaggi, dieta e moto nel letto

post it ciao ciaoDa un giorno la casa è il mio regno. Casa? E chi ci torna a casa?! Devo recuperare un po’ di vita sociale trascurata in questi mesi. Era da tanto che non provavo la sensazione di uscire dal lavoro e rimanere fuori, cenare tardi, rientrare e fiondarmi subito a letto.

Però Anna e il gnappo hanno lasciato tracce della loro presenza, disseminate qua e là. Le lascio dove sono perché quando le guardo sorrido pensando ai miei due amori.

Continua a leggere

Vacanze da papà e le 10 cose da fare

vacanza da papàDa oggi sono ufficialmente in vacanza. Continuerò a lavorare fino a fine luglio, ma come ogni anni, da due anni a questa parte, ho imbarcato Anna e il gnappo per una settimana di mare con i nonni. Io li raggiungerò ad agosto, per farmene un’altra (sempre di mare, ma senza i nonni) e poi la seconda in montagna dai miei, altro evergreen.

Per 10 giorni sarò quindi il padrone incontrastato della casa. Posso tenere alzata la tavoletta del water (anche se il riflesso condizionato della forza dell’abitudine è difficile da mandare via…). Ma ci sono anche tante altre cose che posso aggiungere alla to do list. Tipo:

Continua a leggere

L’acquario civico di Milano, orari e pesci

acquario civico milano peschiDa quando ho visto Nemo il mio sguardo sui pesci in acquario non è più lo stesso di prima. Però non troppo lontano da casa nostra c’è l’Acquario civico di Milano e mi faceva brutto non portaci il gnappo. Il problema sono gli orari. E’ aperto fino alle 17.30 e per riuscire ad arrivare in tempo mi ci dovevo fiondare subito dopo aver ritirato il nanetto all’asilo.

Ovviamente andando in bici, giusto per non beccare la multa da ZTL e impazzire per il parcheggio.

Continua a leggere

Sogno di tradire mia moglie

sogno tradimento schieleC’era una manifestazione a Milano. Di quelle oceaniche, come non l’avevo mai vista prima. Un corteo pieno di gente e di bandiere. Mi fermo a un incrocio, mentre la folla scorre verso il centro. A un certo punto incontro una ragazza. Lei è ad un banchetto pronta a unirsi alla manifestazione. Mi fermo a parlarle e ne sono subito attratto. E’ mora, sveglia, davvero carina. Ma dietro di lei intravedo delle bandiere di Forza Nuova. Le chiedo il perché di quelle bandiere, ma mi dice che non sono sue. Ci salutiamo.

La incontro più tardi. Non so esattamente dopo quanto. Ma siamo in una stanza, in casa di suoi amici. Si mette vicino a me, mentre sono sdraiato a letto e sto leggendo un libro a pancia in giù. E’ completamente nuda.

Continua a leggere

I figli non sono come i cani

https://www.flickr.com/photos/msvg/9386968830/in/photolist-fiuENb-bUc3e-9Ng7HU-5qHCR-fT2QK-sazbx-ek9r6v-9YB1kw-aBh7pJ-e7xmuV-bktzQE-6mqox8-23Wot-aSRU9K-6bN6UX-B3oR1-9hArrQ-8Hp57m-hhACj-dEDUcc-5vUH1R-6yhY5V-dYx4PR-6E1qis-goezJ-61vkQA-jpSKS-5Ga2Qr-7Ly7b2-8czHgr-8AbDwK-eHD37w-dN7z3v-7aspnB-goidA-adWy2f-Wu64t-9hjcNk-84Lv5G-i8s39q-hMku2a-eihm88-3gNij7-bhvkdp-8pipb-4q5SBN-ijPceR-9PzMk-66JEex-HaKoF/lightbox/

Foto da Flickr

Odio la frase: “Quando anche voi avrete figli capirete” (che non ho mai detto e non dirò mai). Così come non dirò mai che “da quando sono papà sono cambiato”. Perché in fondo mi sento sempre lo stesso, anche se per certi versi il diventare genitori fa un po’ uno spartiacque per tante cose. Io però non mi sento né migliore né peggiore di prima. Sono sempre io, solo con un gnappo che fa tanto ridere, poco dormire e ogni tanto arrabbiare,

L’altra sera siamo andati a cena fuori con una coppia di amici. Loro stravedono per Momo e gli fanno sempre un sacco di regali. Praticamente sono un po’ come degli zii acquisiti, anche se non c’è parentela. Vedono quasi più loro il gnappo dei nonni veri, per dire.

Si conoscono da una vita, convivono da un po’ , ma di figli neanche a pensarci. Ognuno ha i suoi tempi. Però quando li vedo impazzire per il gnappo mi verrebbe da dirgli: “Ma perché non ve ne fate uno anche voi?”. Ovviamente rimane solo un mio pensiero che nonostante la nostra decennale amicizia mi tengo per me, visto che i figli, ad ogni modo, sono un argomento intimo, personale, delicato. In casa però hanno un cane che già gli da già abbastanza da fare.

Continua a leggere

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...