Ansia da prestazione e pellegrinaggi notturni

Da qualche mese a questa parte non c’è notte (o quasi) che il gnappo non si infili nel lettone.

Il suo sonno è sempre stato un problema, fin da piccolo. Poi, dai due anni e mezzo, magicamente, ha abbiamo iniziato a dormire.

Poi è arrivato The Second e quindi sonno adieu.

Però il tutto è durato solo qualche mese perché The Second si conferma un ronfatore da competizione.

Uno di quelli che non si addormenta mai di sera, ma poi, una volta partito, scatta la “modalità sasso”. E alla mattina servono le cannonate.

Il gnappo no.

Continua a leggere

Festa a tema Spiderman, idee per il compleanno del gnappo

Festa tema Spiderman

Festa tema Spiderman

Per l’ultimo compleanno del gnappo, ci siamo avventurati nel magico mondo delle feste a tema. E visto che l’Uomo Ragno è uno dei suoi supereroi preferiti abbiamo cercato di organizzargli una festa a tema Spiderman.

Prima di tutto dovevamo definire la location. Capire dove farla ‘sta benedetta festa. Quanti amici invitare ecc. Siccome è al suo primo anno d’asilo di scuola materna scuola dell’infanzia e non abbiamo ancora socializzato molto con i genitori dei suoi compagni di classe (praticamente l’entrata all’asilo è tipo una “consegna pacco”: saluti bidelle, saluti maestra, gli infili le pantofole e via) abbiamo invitato gli amici di “vecchia data”, alcuni del nido e un paio di figli di nostri amici (che sono anche suoi quindi). Dei 10 invitati hanno risposto all’appello in 6. Numero perfetto per due genitori antisbattimento.

Continua a leggere

Nella nuova scuola di luglio

Altro giro altro regalo.

Oggi i gnappi hanno iniziato la scuola estiva, aka il centro estivo.

A Milano funziona così: molti asili chiudono e a luglio le classi vengono accorpate in alcune scuole che rimangono aperte.

Stamattina è stato il loro primo giorno nella nuova scuola. Visto che tutti e due sono abitudinari come pochi, già temevamo l’impatto.

Stamattina è toccato a me portarli entrambi. E non è stato facile. Emotivamente parlando.

Continua a leggere

Ultimo giorno di asilo del gnappo

Oggi è l’ultimo giorno di asilo del gnappo.

Fino a metà luglio ci saranno le sezioni estive, quando le classi si accorpano e le scuole si cambiano. Per due settimane sarà in classe con suo fratello (si spera) in una nuova scuola e con nuovi compagni.

Ma l’ultimo giorno di scuola per lui è oggi. L’ultimo giorno in cui sarà con la sua classe, con i suoi primi veri amici che veder tutti i giorni da tre anni a questa parte.

Secondo me lui non se ne rende ancora conto. Ed è giusto così.

Continua a leggere

L’estate della Maturità

estate maturitàLo so, lo so.

E quindi? Cheddobbiamofa’?

Eh, niente, aspettare che vengano tempi migliori. Tempi in cui riuscire a mettermi lì, raccogliere i pensieri, le emozioni, le cose che stanno succedendo in questi giorni, mesi, anni.

E scrivere come una volta.

  • Per tenere traccia.
  • Per ricordarmi di questi fantastici tempi con i gnappi piccoli.
  • Per ritrovare un po’ me stesso. (Frase del menga da Mulino Bianco/Bacio Perugina che però un suo fondo di verità ce l’ha.

Perché nel fare cose da mane a sera, il rischio è quello di ritrovarsi senza capire bene perché.

Ritrovarsi tra qualche anno senza essersi goduti le cose importanti, quando poi sai che non torneranno più perché ormai il tempo in cui te le potevi godere è andato.

E quindi?

Continua a leggere

Le settimane senza i nani

Ultimamente i nani vengono appaltati spesso ai nonni.

Un po’ perché loro sono contenti a tenerli anche per una settimana da loro, soprattutto i genitori di Anna. Un po’ perché anche il gnappo e The Second dai nonni ci stanno proprio bene.

Si sentono in vacanza, non vanno all’asilo e riescono a riposarsi.

Non sembra, ma tra scuola materna e giochi al pomeriggio (il gnappo il mercoledì fa calcio) arrivano stravolti e alla mattina c’è sempre da tirarli giù dal letto con le cannonate.

Così ne approfittiamo, soprattutto se, come in questo periodo, ci sono ponti in giro, tipo 25 aprile, 1° maggio & co.

Continua a leggere

Tutti i post che avrei dovuto scrivere nel 2017 (e che non ho mai scritto)

Questo è un post di post. O meglio. Di potenziali post.

Il primo post del 2017 (quello sui buoni propositi) diceva alla fine: “Scrivere di più su questo blog”.

Ce l’ho fatta?

No

(Neanche gli altri punti sono stati spuntati in verde a dir la verità e rimangono lì, come buoni propositi evergreen, da rileggere ogni tanto e capire se ci si può tirar sopra una riga…).

Continua a leggere