Perché ho deciso di sposarmi e sposarmi in chiesa

matrimonio in chiesa fioriIeri abbiamo passato la boa dei quattro anni di matrimonio. Pochi, pochissimi, considerando una vita intera. Ma un po’ di strada insieme l’abbiamo comunque fatta, dal giorno in cui ci siamo incontrati per la prima volta.

Grazie alla domanda di Ilenia, su come mai abbiamo deciso di sposarci e sposarci in chiesa, provo un po’ a mettere insieme le idee. Rispondere e pensarci mi aiuta nel riflettere sul perché di questa scelta. Una scelta sicuramente non presa alla leggera, visto che impegna (almeno si spera) per tutta la vita.

Perché abbiamo deciso di sposarci? Rispondo per la mia parte ovviamente, forse la mia dolce metà avrà altre motivazioni. Mi piacerebbe fare anche a lei la stessa domanda e appena ci vedremo gliela farò. Continua a leggere

Non abituiamoci alle cose belle

libretto matrimonio chiesa nozzeEd è passato un altro anno. Il quarto, dal giorno in cui ci siamo sposati. Mi sono andato a risentire la predica del frate che ci ha sposato. Un mio amico aveva registrato tutta la cerimonia e mi ha regalato il cd. L’ho riascoltato e sbobinato.

Festeggeremo l’anniversario a cena, quando ci vedremo. Adesso siamo lontani (Anna è ancora col gnappo dai nonni, li andrò a prendere domani l’altro per il loro rientro definitivo a casa), ma da stamattina ci siamo mandati un po’ di messaggi e mail a tema (qualche foto assurda, qualche frase celebre…).

E’ da ieri sera che ci penso. Pensavo a quel giorno, al fatto che sia nato il gnappo e che “il nuovo” sia in arrivo. E ci pensavo anche oggi, mentre riascoltavo le parole di chi ci ha sposato…

Continua a leggere

Seggiolino 3 12 anni, 15-36 kg, gruppo 2-3 e l’Isofix

Seggiolino Chicco 15 36 kgPrima o poi il momento doveva arrivare. E visto che in quello vecchio ormai non ci stava quasi più dentro, abbiamo fatto il salto, passando a un nuovo seggiolino auto 15-36 kg, quello del gruppo 2/3, che, in teoria, dovrebbe andare dai 3 ai 12 anni. (12 anni?! Certo, ce lo vedo un preadolescente in piena tempesta ormonale sedersi sul seggiolino per bambini…).

Il gnappo adesso peserà sui 16 kg e quello di prima era un 9-18 kg. Potevamo quindi tirare avanti ancora un po’, ma abbiamo preferito cambiarglielo prima delle vacanze, così almeno stava più comodo nei viaggi lunghi verso il mare e la montagna.

La scelta del seggiolino, non so perché, è stata appaltata a me. Ci sono attrezzature, tipo il passeggino, in cui l’intervento del papà sembra indispensabile. Un po’ come quando devi aggiustare le tapparelle, gonfiare le biciclette o portare giù la spazzatura. Bisogna così addentrarsi nella jungla dei seggiolini: i modelli sono tanti e i prezzi vanno più o meno dagli 80 ai 200 e passa euro. C’è poi la temibilissima variante Isofix.

Continua a leggere

Romagna family friendly, le nostre vacanze 2014

gioco spiaggia papà figlioAlla fine l’abbiamo sfangata anche quest’anno. A parte la mammite del gnappo in crescita, tre mezze giornate di pioggia, e una pancia (la mia, non quella di Anna) che sembra quella di Bud Spencer, le nostre vacanze 2014 sono andate bene.

Io parto sempre un po’ prevenuto, rogno un po’ all’inizio, ma poi alla fine mi diverto. Anche se comunque il ritorno alla routine non mi pesa più di tanto. In fondo vivo in vacanza da una vita, come cantava Irene Grandi.

Quest’anno la destinazione balneare è ricaduta su Gabicce Mare. Hotel un po’ sgrauso ma dove si mangia bene. Pensione completa, lettini e ombrellone inclusi. Spiaggia a due passi. Clima fresco, mare dell’Adriatico (non come quello delle Maldive, ma ce lo facciamo bastare), un sacco di giochi e attività per i bambini.

Continua a leggere

Mammite acuta e anarkia totale

mammite acutaMamma, mamma, mamma, mamma, mamma e mamma. E poi ancora: mamma, mamma, mamma. Ho dimenticato qualcuno? Ah sì, la mamma. Il gnappo è in piena fase di mammite acuta. Ma non solo: tutte le precedenti fasi, nei suoi terrible two, si stanno sovrapponendo. Vi ricordate la fase no? Quella ovviamente c’è ancora. E la fase schiaffi + morsi? Anche quella è rimasta e non accenna minimamente a diminuire. Per non parlare poi della sindrome da abbandono. Figuriamoci, adesso è a livelli esponenziali. Si è aggiunta anche la fase “mio”, anzi “mia”. E’ tutto suo, al grido di “èèè a miaaaa!!”.

Nelle scorse settimane, più o meno da quando abbiamo iniziato le vacanze, si è aggiunta una potentissima mammite. Momo non riesce a staccarsi da Anna per più di mezz’ora. Devastante. Neanche stiamo giocando io e lui a palla e ci stiamo divertendo un mondo. Una volta si è fermato di colpo, gli è venuta in mente la mamma e voleva andare da lei.

Io una teoria ce l’ho.

Continua a leggere

Vacanze 2014, see you later

Foto da Flickr

Foto da Flickr

Ci siamo. Anche quest’anno è arrivato il momento di raggiungere Anna e il gnappo per le classiche due settimane di vacanza. Prima che Momo nascesse le ferie le spezzettavamo molto di più: una settimana in primavera, 10 giorni a fine agosto, un po’ a settembre… Adesso invece dobbiamo far quadrare il cerchio con le vacanze dell’asilo e quelle dei nonni. E quindi sono ormai un paio d’anni che ci spariamo una settimana di mare e una di montagna.

Dopo aver passato una settimana da solo sinceramente ho voglia di rivederli. Ho voglia di saccagnare il gnappo e di stritolarlo un po’. Anche se le ronfate che ho fatto in questi giorni saranno solo un ricordo. Ma pazienza. Lo scoglio più duro è quello del mare. Io al mare mi rompo. Insofferenza allo stato puro.

Continua a leggere

Libri per mamme e papà, letture sotto l’ombrellone

libro

Foto da Flickr

E’ partito il countdown. Le vacanze al mare si avvicinano. Ancora pochi giorni in casa da single e poi raggiungerò la family. Ormai in spiaggia riuscire a leggere è un’impresa. Credo che ancora più dell’anno scorso ci sarà da stare dietro al gnappo. Bagni al mare, formine, giochi con la sabbia, spalmature di crema ecc. Di relax ce ne sarà poco. Ma qualche libro volendo si può portare sotto l’ombrellone. Anche se non è detto che, visto l’andazzo del tempo in questi giorni,  servirà a ripararsi dal sole… Crediamoci.

Intanto ecco un elenco di libri scritti da mamme e da papà. Si va dal cazzeggio puro ai temi impegnativi come quello dell’adozione. Manuali, romanzi, ebook e saggi. C’è un po’ di tutto.

Continua a leggere

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...